Sondaggi politici, 11 maggio 2016: il M5S attaccato al PD

Gli ultimi sondaggi politici confermano la tendenza: il Movimento 5 Stelle è sempre più vicino.

Gli ultimi sondaggi politici offrono l'ennesima conferma di ciò a cui da settimane si sta assistendo: il Partito Democratico è in difficoltà sotto vari fronti e il Movimento 5 Stelle ne approfitta, avvicinandosi sempre di più. In tutto ciò, è ormai evidente come l'appuntamento con il referendum costituzionale del prossimo autunno sarà la vera cartina di tornasole, in grado di sconvolgere gli equilibri.

Il Partito Democratico, infatti, cala anche questa settimana; lasciando per strada quattro decimali e arrivando al 30,3%. Sale invece di tre decimali il M5S, che si trova così al 28,3%. Esattamente due i punti di distacco che quindi separano i principali partiti italiani, che di questi tempi - due anni fa - erano separato da qualcosa come venti punti percentuali.

Scende leggermente la Lega Nord (13,9%), mentre risale di sei decimali Forza Italia, che arriva al 12,2%. È ancora presto per dire se questo è un trend significativo, ma è chiaro che qualora Forza Italia tornasse ad avere un rapporto di forza alla pari con la Lega Nord, tutti i discorsi di Matteo Salvini sulla sua leadership nel centrodestra verrebbero meno.

Da segnalare anche come - se il Centrodestra si unisse in coalizione - i rapporti di forza tra i tre principali poli (Pd, M5S, Centrodestra) sarebbero praticamente alla pari. A quel punto, solo pochi decimali deciderebbero chi sarebbe in grado di accedere al ballottaggio. E se ci riuscisse il M5S, ci sarebbero pochi dubbi sul fatto che sarebbe in grado di conquistare la vittoria.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO