Sondaggi politici, 13 maggio 2016: crolla la Lega Nord

Gli ultimi sondaggi politici confermano la sfida serrata tra Pd e M5S, mentre nel centrodestra si riapre la partita.

Gli ultimi sondaggi politici Ixè, trasmessi stamane ad Agorà, non portano grandi scombussolamenti in cima, dove i due partiti principali rimangono sostanzialmente sulle stesse posizioni. Resta però da capire come agirà sul consenso del Partito Democratico l'approvazione della legge sulle Unioni Civili e come le nuove difficoltà del M5S a Livorno e Parma incidano sul suo elettorato.

Per il momento, non si vede nulla di tutto ciò, con il Partito Democratico che rimane stabile al 30,4% (-0,1) e il M5S che si fa appena appena più vicino al 28,2% (+0,1). Come confermato anche da altri istituti di sondaggi, comunque, la distanza tra i due partiti è ormai attorno ai due punti percentuali, abbastanza impressionante se si considera che due anni fa, di questi tempi, i punti percentuali erano venti.

Interessante anche quanto sta avvenendo nel centrodestra: la Lega Nord sembra essere abbastanza in difficoltà e questo mese perde addirittura otto punti decimali, scendendo al 14%. Contemporaneamente, Forza Italia sale di 7 punti decimali, arrivando a quota 12,3%. Chissà se si tratta di un episodio o se invece la dinamica si possa consolidare: quel che è certo è che i tempi in cui sembrava che Salvini fosse sul punto di fagocitare Berlusconi sembrano abbastanza lontani e Forza Italia sta dimostrando una resistenza (qualcuno direbbe resilienza) notevole.

Ai piani più bassi, scende Sinistra Italiana (4,8%), mentre risale un po' Fratelli d'Italia (3,6%), che comunque non sembra in grado di approfittare della campagna elettorale romana di Giorgia Meloni per incrementare i suoi consensi.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO