Usa 2016, Donald Trump: “I rifugiati faranno attentati come l’11 Settembre”

Ennesima affermazione assurda del candidato repubblicano.

Donald Trump continua la sua campagna elettorale a base di frasi pesanti a caccia della polemica a tutti i costi e la cosa più grave è che finora questa tattica gli ha dato frutti positivi.

In una intervista radiofonica trasmessa ieri durante il programma Green Line del Nbpc, il sindacato della Guardia di frontiera Usa, e ripresa oggi da BuzzFeed, il magnate newyorkese, parlando di terrorismo, ha detto:

“Ci saranno attacchi inimmaginabili, attacchi compiuti da quelle persone che stanno entrando adesso nel Paese”

e ha aggiunto:

“Non hanno soldi, ma hanno i telefonini. Chi gliele paga le ricariche? Hanno cellulari con la bandiera dell'Is. E si aspettano che noi li accogliamo a braccia aperte... Siamo governati da incompetenti o da gente che non ha a cuore l'interesse del Paese”

Trump, insomma, è certo che i rifugiati saranno responsabili di nuovi attacchi gravi tanto quello dell’11 Settembre 2001.

L’attuale Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, durante una cerimonia di consegna di diplomi in New Jersey, ha commentato il modo di fare di Donald Trump dicendo:

“L’ignoranza non è una virtù. Il mondo non è mai stato così interconnesso, e lo diventa ogni giorno di più. Costruire muri non cambierà le cose”

Poi ha invitato a diffidare dall’anti-intellettualismo di cui sono portatori certi messaggi politici che rievocano un passato idealizzato senza veri motivi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO