Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi, il confronto di Mentana si accende a Napoli

Comunali 2016, Enrico Mentana fa il punto sui ballottaggi in occasione della chiusura delle campagne elettorali.

Enrico Mentana cerca di costruirsi un proprio Confronto tra i Candidati Sindaco ai ballottaggi delle grandi città, ma ne vien fuori una sequenza di mini comizi dei vari aspiranti sindaco, smussati solo - a tratti - dal gusto per la boutade del direttore. Mentana ci prova a dare un guizzo a un continuo scambio di accuse tra la parti con domande differenziate, tagliate sui singoli candidati - a differenza di quanto succede nel collaudato format di Sky Tg24 - ma il richiamo dell'accusa vicendevole è così forte nella maggior parte dei casi da ridurre il tutto a uno stucchevole gioco delle parti, acuito dal fatto che nella maggior parte dei casi le parole chiave dei candidati sono le stesse. per tutti gli schieramenti e in ogni città.

Legalità, trasparenza, lavoro, tasse, giovani, sburocratizzazione, metro, trasporti: si possono attribuire senza fallo a ciascuno degli otto partecipanti, ovvero i contendenti di Roma, Milano, Torino e Napoli. Bologna è rimasta fuori per via del rifiuto a partecipare di Merola.

La chiusura di campagna elettorale targata Mentana si accende solo all'ombra del Vesuvio, con il faccia a faccia a distanza di De Magistris e Lettieri, di nuovo l'uno contro l'altro cinque anni dopo l'ultima elezione comunale. Un fuoco di fila di accuse di Lettieri verso De Magistris chiude la puntata, mentre il sindaco di Napoli ricorda i suoi successi. Tanti i punti in comune, in fondo, tra i due candidati, non ultima la loro scelta scenografica: gli unici set allestiti, per un motivo o per un altro, sono i loro. E se quello di De Magistris ricorda un 'aguzza la vista' de La Settimana Enigmistica (tra le foto di famiglia, l'agenda rossa di Borsellino, il rametto d'ulivo, il bicchiere d'acqua, la foto della folla, le bandiere, le cornici d'argento), quella del contendente fa pensare a una Edicola Lettieri, piena dei suoi materiali elettorali.

Il programma, però, risulta di una noia mortale. I comprimari non sono all'altezza del direttore, che aspettiamo alla prossima #MaratonaMentana, quella per l'elezione dei sindaci al via alle 22.15 di domenica 19. Chicco, ti aspettiamo.

Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi | 17 giugno 2016 | Diretta

  • 23.51

    "Grazie ai nostri giovani che anche stasera hanno fatto tappezzeria" dice Chicco che annuncia la maratona di domenica dalle 22.15 ma con un pizzico di malinconia aggiunge che "chi non vuole abusare dei thermos domenica sera per l'una, l'una e mezza dovremmo sapere chi sono i sindaci".

  • 23.49

    Nessun confronto per Bologna: Valerio Merola ha scelto di non partecipare.

  • 23.43

    "Se vinco, riunisco i miei ragazzi, festeggiamo 5 minuti e poi briefing per la giunta. Se perdo? Questa ipotesi non esiste." "Anche lei Maccio Capatonda?" Mentana se l'è sudata Napoli, tutta quanta.

  • 23.39

    "Ma è lei che ha fatto fare i manifesti di De Magistris interista?". "Ma quello De Magistris non sta bene con la testa. E' preoccupato dei risultati".

  • 23.38

    "Ho pensato di fare un comitato per la legalità, la trasparenza e gli appalti: lo presiederà Galgano e sceglierà lui i due nomi con cui lavorare".

  • 23.37

    "Io voglio che l'Italia guardi a Napoli come modello. non avrò tessere di partito, perché non mi interessano". Esattamente quello che ha detto anche De Magistris.

  • 23.35

    "No, ma De Magistris ha fatto questo, questo, quest'altro... ma non parliamo di lui, parliamo di Napoli!". Lettieri se la canta e se la suona...

  • 23.33

    "A lui piace fare i monologhi..." Lettieri, e mi sa che non è l'unico, perché persino Mitraglia non riesce a prendere la parola.

  • 23.31

    "Ma se De Magistris ha fatto tutte queste cose perché ha preso tutti questi voti?" "Non ne ha presi tanti, perché l'80% degli elettori non l'hanno votato, tra gli Valente...". Vabbè, elaborazione dato a piacere...

  • 23.30

    "Siete una coppia notevole" dice Mentana a Lettieri. Un faccia a faccia ci voleva in questo caso. E' un continuo attacco a De Magistris, ma senza contraddittorio.

  • 23.28

    Lettieri non fa che sottolineare i fallimenti di De Magistris, dallo scandalo di Bagnoli Futura ai documenti della Corte dei Conti sui trasporti. Insomma, più che di Napoli si parla di De Magistris.

  • 23.27

    "Mi ha fatto aspettare la fine della trasmissione, ma è tale la gioia di stare con lei, Direttore..." "Vabbè, la prossima volta ci sentiamo!" #mitoMentana

  • 23.25

    Si chiude con Lettieri: Mentana non gli dà neanche la buonasera, che lui parte. "Ma sta in un'edicola?" "No, questi sono i miei programmi quartiere per quartiere". "E gli inserti, i gadget?" Mito Mentana...

  • 23.24

    Cosa fa domenica se vince? "Ringrazio tutti i torinesi e assicurerò che sarò il sindaco di tutti". E stoico, Fassino è sotto la pioggia...

  • 23.21

    Di cosa va più fiero come sindaco? "Aver fatto diventare Torino una grande città di turismo, aver gestito emergenze importanti". C'è qualcosa che le è rimasto in canna? "la manutenzione della città, perché le risorse son poche. Servirebbero 15 mln l'anno, ma ne abbiamo meno a disposizione. L'altra cosa, la sburocratizzazione".

  • 23.15

    "Il voto ai 5S? Si è unito un sentimento di ostilità ai partiti e uno di sofferenza sociale delle fasce colpite dalla crisi".

  • 23.10

    Comunque mettere Fassino dopo De Magistris è, narrativamente, una gran cattiveria.

  • 23.08

    Tocca a Fassino, da Torino. Parte in difesa: "Confermati i sondaggi sul mio risultato".

  • 23.05

    La prima cosa che fa se vince? "Scendere tra la mia gente. Non so se abbiamo creato rapporti politici, di certo rapporti umani. Se perdo? Direbbe Maccio Capatonda, queste sono storie che non esistono...." "Nel caso intervisteremo Maccio Capatonda per sentire come è andata in caso contrario". Mito sempre più Mentana.

  • 23.04

    I rapporti con De Luca sono istituzionali, buoni. Abbiamo siglato accordi europei, anche se non condivido alcune cose sui rifiuti o sull'acqua. ma dialoghiamo con tutti. Questo sindaco non è isolato. Semplicemente non molliamo, non ci sediamo nelle stanze dove c'è compromesso morale. Il sindaco ha ridato dignità ai napoletani". Anche lei in terza persona, commenta Mentana.

  • 23.03

    "La sfida dove sono più indietro? C'è tanto da fare. Il difficile è l'ordinarietà: il decoro, la pulizia... Ho risanato i conti, paghiamo in tempo reale e ora si può continuare a investire, con le mani pulite come siamo abituati a fare".

  • 22.54

    "Sono tre anni che cerco di parlare con Renzi".

  • 22.52

    "Mi presento oggi per essere il sindaco di tutti i napoletani. Gli unici che non mi interessano sono i camorristi". Quanti sono? "Un'assoluta minoranza. mai come in questi anni c'è in atto una rivoluzione culturale. A Napoli abbiamo rotto ogni rapporto tra il Comune e la camorra dei colletti bianchi".

  • 22.51

    Stile secco, ma un tantino didascalico: parla del progetto acqua pubblica e mostra un bicchiere d'acqua...

  • 22.51

    Il cavallo di battaglia resta l'opposizione a Renzi.

  • 22.46

    Cosa avete in comune lei e Lettieri? "Nulla."

  • 22.46

    Per prima cosa si smentisce il tifo per l'Inter:; è una di quelle cose che a Napoli può farti perdere PER SEMPRE un posto in politica.

  • 22.45

    E si arriva a Napoli, con Luigi De Magistris. Di fronte agli sfondi neri degli altri, la scrivania strapiena del Sindaco è un'istigazione all'analisi semiotica.

  • 22.42

    Se diventa il sindaco di Milano cosa fa come prima cosa? "Sono mammone: la prima cosa è svegliare la mamma 85enne e mi faccio fare un caffè, che è un nostro rito. Se va male? Dal giorno dopo Parisi è il mio sindaco e farò il capo dell'opposizione".

  • 22.41

    C'è la necessità di creare un polo strategico della tv a Milano? "Un polo c'è già. Ma può essere un nuovo grande momento di sviluppo delle qualità milanesi".

  • 22.36

    La carta di Sala? Il verde. E si sente "uomo del fare".

  • 22.32

    Cosa si può fare per il dopo Expo? "E' curioso che Parisi si appropri del progetto del Campus su cui lavoriamo da due anni".

  • 22.27

    "Resti con noi. Del resto dove va di meglio..." Mentana non cambia il suo claim... Pubblicità.

  • 22.25

    Ecco Sala in collegamento: La grande differenza tra loro? "Il piano Tasse" risponde il candidato di centrosinistra.

  • 22.16

    L'opposizione è più comoda del governo: come pensa di poter governare non lasciando indietro nessuno? Come si fa? "Ci vuole un progetto credibile, una squadra costruita senza manuale Cencelli e un programma strutturato nel breve, medio e lungo periodo. Vogliamo istituire un fondo di 5 mln di euro tagliando sprechi per inserire i giovani nelle piccole e medie imprese. nel medio periodo riorganizzazione della macchina comunale, e poi una serie di investimenti con la metro 1 e 2...".

  • 22.15

    "Ho girato molto per le strade, per i mercati. C'è tanto bisogno di comunità" dice l'Appendino.

  • 22.13

    Cosa ha fatto di buono Fassino e cosa ha fatto male a Torino? "La cosa più grave è stata rappresentare una parte della città e lasciarne indietro un'altra, che non si è neppure sentita rappresentata nella narrazione".

  • 22.12

    "Come ha fatto a raggiunere questo risultato" chiede Mentana all'Appendino. "E' stato un lavoro di squadra".

  • 22.11

    Si salta a Torino da Chiara Appendino (Sala sta chiudendo or ora la campagna elettorale).

  • 22.11

    Parisi sarà al Marriott ad aspettare i risultati.

  • 22.07

    Parisi parla di nuove metro a Milano e pensa che il modello della 'nuova Milano' post newyorkese della piazza Gae Aulenti possa essere replicata.

  • 22.02

    Parliamo di Expo, dice Mentana: "E' d'accordo con l'uso dell'area?". Parisi: "Non c'è un progetto post Expo. Il nostro è quello di farlo diventare un'area densa, con università, con le facoltà scientifiche della Statale, un campus e anche vantaggi fiscali per ricerca in nuove tecnologie. E poi verde, sport, qualità della vita...".

  • 22.02

    "Sono un socialista riformista liberale" dice Parisi. "Questo è un po' un gelato misto" dice Mentana.

  • 22.01

    Vero è che non sono interessata ai ballottaggi, ma questa formula di 'confronto a distanza' è noiosa assai. Ogni candidato tira acqua al proprio mulino: l'unico guizzo son le battute di Mentana.

  • 21.57

    Derby classico tra centrodestra e centrosinistra a Milano, città dei derby per definizione, dice Mentana che parte così: "Vi siete tolti lei e Sala la taccia di essere intercambiabili?". E Parisi dice di essere il rinnovamento.

  • 21.57

    "Domenica devo svolgere il mio ruolo di informatore": Mentana e la sua maratona...

  • 21.53

    Dopo la pubblicità tocca a Milano: si parte con Stefano Parisi, in studio.

  • 21.50

    Cosa farà se scoprisse di aver vinto? "La sera ringrazierei chi mi ha aiutato e i cittadini romani. E la mattina dopo andrei a trovare mio padre che è scomparso durante le primarie e non sono riuscito ad andare a trovare e che sperava ce la facessi. Se perderò chiamerò la Raggi per complimentarmi, anche se sono stato trattato malissimo".

  • 21.50

    "Nei miei confronti è stata fatta una campagna di fango perché ho usato un diminutivo. Ma io penso che lei debba dire la verità"

  • 21.47

    Vantaggio o svantaggio avere Presidente Regione e premier dello stesso partito? "Vantaggio se lo sai usare".

  • 21.46

    Mentana si confeziona il suo confronto Ballottaggi. Però è una noia mortale.

  • 21.44

    "Questa è una città spaccata, in ginocchio: ogni romano si dovrà assumere un pezzettino della rinascita di questa città sennò non ce la faremo".

  • 21.43

    "Lei ha dato 4 nomi oggi, io ne ho dati 9 quindici giorni prima delle elezioni. Darli non è un beau geste...": Giachetti sorride quando si parla dei nomi della squadra di governo.

  • 21.42

    "Voglio che in questa città ci siano investimenti privati, come lo stadio della Roma o le Olimpiadi, nel rispetto della legalità e con i giusti paletti".

  • 21.39

    Non c'entra nulla, ma Giachetti ha una bella voce. Se non vincesse che farebbe: "Farei il capo dell'opposizione al Campidoglio, ovvio". E si dividerebbe nel ruolo del vicepresidente della Camera: "Ho fatto più ore di tutti". "Allora è vero che alla Camera non si fa nulla". Mito Chicco.

  • 21.37

    In studio c'è Giachetti: Mentana gli chiede perché dovrebbero votare per lui e Giachetti risponde in terza persona. Glielo fa notare anche il direttore. "Vabbè, ma lei mi ha chiesto cosa farebbe Giachetti...".

  • 21.34

    Cosa farà dopo la vittoria, qualora vincesse? "Restate con noi e lo scoprirete". E l'immagine di freezza.

  • 21.31

    E siamo alla domanda sull'incarico all'ASL di Civitavecchia. "A parte il fatto che è l'ultima secchiata di fango a 24 ore su un fatto uscito a marzo. Al comune di Roma non ho omesso nulla. Sono stata pagata nel 2015 e quindi rientra nella dichiarazione di quest'anno". Mentana ricorda che il 'fango' è stato lanciato da un giornalista non proprio della parte avversaria (Marco Lillo, FQ) ma la raggi dice "evidentemente, disperati, hanno tentato l'ultima carta. Io credo di essere stata la donna più infangata della storia delle comunali". "Premio femminile a lei, maschile a Berlusconi" scherza Mentana.

  • 21.30

    "L'esperienza nella precedente consiliatura in cosa l'aiuta" chiede Chicco. "L'aver già lavorato nell'amministrazione ci permette di avere esperienza nella pubblica amministrazione. E poi ho visto come lavorano i nostri avversari e non sono pronta a farli lavorare ancora così. Quell'era deve concludersi".

  • 21.29

    "Adesso andiamo a votare, il ballottaggio è domenica 19 giugno, dobbiamo cambiare questa città".

  • 21.28

    "Premesso che non facciamo alleanze, collaboreremo su obiettivi".

  • 21.26

    "Noi non abbiamo la bacchetta magica, non abbiamo promesso di abbassare le tasse, ma la sfida più grande sarà far cambiare il corso di questa città. Aggredendo sprechi e privilegi faremo ripartire questa città".

  • 21.23

    La squadra di governo della Raggi qual è? "Alcuni professionisti che hanno chiesto di restare riservati per motivi professionali e io come capitano non posso che rispettare il loro volere; Bernini all'Urbanistica e al Lavori Pubblici, Paola Muraro alla Sostenibilità Ambientale, alle politiche Giovanili Andrea Lo Cicero; alla crescita culturale Luca Bergamo.

  • 21.22

    Ma chi regge il microfono alla Raggi?

  • 21.21

    "Lei sa che qui facciamo i giornalisti e quindi ci occuperemo anche delle ultime polemiche"... Mitico Chicco.

  • 21.20

    La prima è Virginia Raggi, in collegamento da Ostia. Contenta che sia finita? "E' stata un'esperienza bellissima".

  • 21.20

    Roma, Torino, Milano, Napoli: questo l'ordine in cui saranno presentati i candidati al ballottaggio.

  • 21.19

    "Ci siamo, finalmente! E non perché aspettassimo questa trasmissione come un appuntamento col destino..." dice Chicco. E invece, direttore...

  • 21.14

    Lilli dà la linea a Chicco: un po' di pubblicità (quella tanto cara a Cairo) e si inizia.

  • 20.29

    Chicco si prende qualche minuto di pausa prima dello speciale in prima serata.

Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi | 17 giugno 2016 | Anticipazioni

enrico-mentana-maratona.png

I Ballottaggi per le Comunali 2016 sono ormai imminenti ed Enrico Mentana dedica uno speciale del suo Bersaglio Mobile alla chiusura delle campagne elettorali degli sfidanti nelle principali città italiane. Occhi puntati su Roma, Milano, Napoli e Torino, senza dimenticare gli altri importanti capoluoghi di regione o di provincia attesi al varco. Vediamo cosa ci riserva, però, il buon Chicco.

Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi | La chiusura della campagna elettorale


Dopo le 9 ore di diretta raggiunte con la Maratona Sindaci

per seguire live i risultati del primo turno, Enrico Mentana scalda i motori con uno speciale di prime time tutto incentrato sui principali duelli elettorali di domenica 19 giugno.
Spazio, quindi, alla chiusura delle campagna di Roberto Giachetti (PD) e Virginia Raggi (M5S) a Roma, e alla sfida tra Beppe Sala (PD) e Stefano Parisi (CentroDestra) a Milano, per arrivare al bis tra De Magistris e Lettieri a Napoli.
Tra inviati sul posto e commenti con ospiti in studio, il direttore del TgLa7 si prepara alla (mini) Maratona di domenica 19 giugno.

Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi: come vederlo in tv e in streaming


L'approfondimento di Mentana lascia eccezionalmente la seconda serata del venerdì per conquistare il prime time di stasera, 17 giugno 2016: appuntamento su La7 a partire dalle ore 21.10, e in live streaming sul sito ufficiale di La7.

Bersaglio Mobile Speciale Ballottaggi: second screen


Per seguire live lo speciale ballottaggi di Mentana vi consigliamo, come sempre, il nostro liveblogging. Per commentare su Twitter l'hashtag è #BersaglioMobile.


  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO