Il Nuovo Centrodestra lascia il governo?

Un altro segnale preoccupante per Renzi.

alfanoang.png

Quando le cose iniziano ad andare male, non è raro che si scateni il fuggi fuggi, nel tentativo di trovare una nuova collocazione in tempo utile. E dal momento che, per il governo Renzi, il periodo non è dei più felici, è facile pensare che quanto sembra sul punto di avvenire nel Nuovo Centrodestra sia riconducibile proprio a questa dinamica.

Il NCD, infatti, sarebbe sul punto di lasciare il governo; almeno queste sarebbero le intenzioni di un nome di peso del partito di Alfano, com'è quello di Roberto Formigoni: "Credo che il tempo del Ncd al governo sia finito. Oggi, non in ottobre. Spero che anche Alfano se ne convinca", ha detto il senatori in un'intervista al Corriere della Sera.

"Diamo a Renzi un appoggio esterno", ha confermato Formigoni. Non si tratterebbe quindi di una giravolta a 360°, ma di un cambiamento che comunque potrebbe compromettere profondamente la situazione del governo - che al Senato ha numeri risicati che reggono grazie all'appoggio di Verdini - fino al punto di farlo cadere.

Prima di giungere a conclusioni affrettate, però, vanno fatte due considerazioni: prima di tutto questa potrebbe essere solo una manovra per convincere Renzi a modificare l'Italicum introducendo il premio di coalizione (mentre oggi, premiando solo la lista, rischia di portare il NCD all'estinzione); secondariamente, è difficile immaginare che il partito di Alfano riesca a fare il suo ritorno nella coalizione del centrodestra, che molto probabilmente nel futuro sarà sempre più a guida leghista. Renzi, comunque, è avvisato.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO