Giappone, elezioni: Shinzo Abe conquista la maggioranza assoluta

Japanese Prime Minister Shinzo Abe (C) is surrounded by photographers prior to a press conference following the upper house elections at his ruling Leberal Democratic Party headquarters in Tokyo on July 11, 2016. Abe has claimed victory in the elections, giving a boost to his long-cherished desire to water down the country's pacifist constitution. / AFP / TOSHIFUMI KITAMURA        (Photo credit should read TOSHIFUMI KITAMURA/AFP/Getty Images)

In Giappone si sono svolte le elezioni per il rinnovamento della Dieta, la Camera Alta. Nonostante la difficile situazione economica in cui versa il paese, il partito del premier Shinzo Abe, il liberaldemocratico, è riuscito a conseguire una netta affermazione. In questo modo, il primo ministro, che continua a mescolare politiche liberiste e nazionaliste, potrà contare sulla maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento, che gli permetterà di governare senza dover tener conto dell'opposizione e dell'altra formazione presente nella coalizione di governo, il Komeito.

Secondo le proiezioni, il Partito Liberal Democratico (Ldp) ha ottenuto 61 deputati. Non era mai successo dal dopoguerra che, in entrami i rami del Parlamento, si venisse a creare una maggioranza di due terzi. Tale situazione renderà possibile ad Abe il perfezionamento del progetto per cui si è tanto battuto: la revisione della Costituzione pacifista. Anche se alla fine sarà necessaria una consultazione referendaria.

Ricordiamo che la modifica costituzionale offre alle forze armate nipponiche la legittimazione a compiere azioni militari, anche senza la presenza di una minaccia diretta contro i propri confini nazionali e in difesa di alleati sotto attacco. In precedenza, invece, potevano entrare in azione soltanto in caso di aggressione da parte di eserciti stranieri.

L'Abenomics non ha prodotto i risultati sperati. Tuttavia, pare che l'elettorato si sia dimostrato sensibile alle ultime decisioni del governo, come quella di rinviare l'aumento dell'Iva. E pare che Abe sia riuscito a convincere anche l'elettorato più giovane.

L'attuale governo gode dell'appoggio degli Stati Uniti. In ogni caso, a Washington, non mancano le preoccupazioni per il nuovo protagonismo che ha deciso di assumere Tokyo in politica estera. Molti analisti temono che Abe possa aumentare le tensioni con la Cina e la Corea del Sud, sebbene lo stesso premier abbia ratificato lo scorso anno numerosi accordi commerciali con Pechino e Seul.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO