Le difficoltà della Lega Nord e il cambio di strategia di Matteo Salvini

Probabile un ritorno al federalismo. Ma il futuro è pieno di incognite.

matteo-salvini-2016.jpg

Che Matteo Salvini avesse subito il colpo dopo il flop alle ultime amministrative si era capito. Ma a questo si è aggiunto un altro aspetto essenziale: la Brexit. Il leader del Carroccio ha capito che a furia di scherzare con il fuoco si corre il rischio di superare la linea rossa tra le urla fatte al solo scopo di conquistare qualche voto in più e la responsabilità di essere di fronte alle proprie scelte. Meglio quindi cambiare i toni, prima che sia troppo tardi.

Il leader della Lega, in effetti, si è visto poco in questo ultimo mese, soprattutto se si considera la sua sovraesposizione mediatica degli ultimi due anni. Il tutto fa parte di un periodo di ripensamento reso obbligatorio dai deludenti risultati elettorali: a Milano Lega doppiata da Forza Italia (11% contro 20%) e Noi con Salvini che ha confermato di non essere una forza in grado di sfondare (sotto il 3% a Roma).

Così, Salvini sta ripensando al da farsi: se la lotta contro l'Europa è troppo rischiosa, se la costruzione di un partito nazionale non paga, allora è probabilmente meglio tornare ai vecchi cari temi: ridare centralità al nemico storico romano dove si è provato a inserire Bruxelles e riscoprire il federalismo. Scrive il Giornale:

Non è un caso che il segretario della Lega abbia deciso di istituire un gruppo di lavoro di 15 persone, coordinato da Andrea Mascetti, che dovrà redigere il programma del Carroccio proprio sul federalismo. Per Salvini - che fino a un mese fa pensava ad un partito a vocazione nazionale, svincolato dalle battaglie locali del passato - è una decisa inversione di marcia.

La difficoltà coinvolge anche Fratelli d'Italia, non più così convinta di seguire un modello lepenista che oggi è interamente coperto dalla Lega Nord e che le impedisce quindi di crescere. Sono tre le opzioni possibili: costruire un soggetto lepenista assieme alla Lega (e non più restando distinti), rafforzare il partito oppure cercare la propria strada all'interno di un tradizionale centrodestra.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO