Usa 2016, il miliardario Warren Buffett appoggia Clinton. E attacca subito Trump

OMAHA, NE-DECEMBER 16: Billionaire Businessman Warren Buffett introduces Democratic Presidential Candidate Hillary Rodham Clinton at a Town Hall rally at Sokol Auditorium December 16, 2015 in Omaha, Nebraska.  (Photo by Steve Pope/Getty Images

Dopo Michael Bloomberg, un altro miliardario è pronto ad appoggiare Hillary Clinton per le presidenziali americane di novembre. Si tratta di Warren Buffett, tradizionalmente supporter dei democratici. L'endorsement è arrivato da Omaha, nello Stato del Nebraska, dove la candidata democratica per la Casa Bianca ha tenuto un comizio.

A riportare la notizia è il New York Times, che ha precisato come il value investor ha scelto di attaccare Donald Trump. "Lei non ha il senso della decenza, signore", ha detto Buffett al tycoon newyorchese. La frase è una citazione: fu pronunciata da Joseph N. Welch, capo consigliere dell'esercito Usa, contro il senatore Joseph McCarthy che lo accusava di connivenza con l'Unione Sovietica durante il periodo della "caccia alle streghe". E l'affermazione è una implicita replica all'ultima discutibile presa di posizione del candidato repubblicano, che ha attaccato la famiglia di un soldato americano di fede islamica morto in Iraq.

Buffett ha detto che è pronto ad incontrare Clinton con la dichiarazione dei redditi. Anche qui il bersaglio polemico è Trump, che si è rifiutato di rendere pubblica la sua. "Sei spaventato solo se hai qualcosa per cui essere spaventato", ha dichiarato il fondatore della Berkshire Hathaway.

Per Clinton, Buffett è un sostenitore molto importante. Al momento, il miliardario ha versato solo 25 mila dollari a un gruppo vicino alla candidata, ma presto potrebbero arrivare grossi flussi di denaro. Tuttavia, ricordiamo che l'imprenditore è da sempre contrario all'abolizione del tetto alle donazioni stabilito dalla Corte suprema nel 2010.

Nel suo intervento Clinton ha insistito soprattutto sui temi economici. Ha parlato di investimenti in energie rinnovabili e in infrastrutture e dell'aumento delle tasse per i ceti più abbienti. Inoltre, ha mosso dure critiche al programma di Trump, che prevede l'abolizione dei trattati di libero scambio.

Secondo i sondaggi, la candidata democratica è tornata in testa. Per le ultime rilevazioni, Clinton sarebbe al 52% delle preferenze, contro il 43% di Trump.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO