USA 2016: Nigel Farage appoggia Donald Trump

"Non potrei mai votare per una come Hillary Clinton".

nigel-farage.jpg

Tra strani personaggi ci si intende. Per questo non dovrebbe stupire che Nigel Farage, il leader del partito britannico euroscettico UKIP e tra i principali artefici della Brexit prima di rassegnare le dimissioni, abbia deciso di volare direttamente negli Stati Uniti per tenere un evento assieme a Donald Trump, che si era prodigato in grandi lodi nei confronti della sua controparte inglese.

"Se fossi americano non voterei Hillary Clinton nemmeno se mi pagassero", ha detto Farage durante un incontro in Mississippi, dove Trump lo ha presentato sul palco come l'uomo che ha sfidato l'Unione Europea e ha vinto. Non si capisce bene perché ai supporter di Trump dovrebbe interessare la Brexit, se non come lotta contro i poteri forti, che nel caso degli USA sono incarnati dal governo stesso.

"Ho convinto a votare per la Brexit anche persone che non avevano mai votato prima in vita loro, ma volevano riprendersi il controllo del paese e delle frontiere, e recuperare orgoglio e autostima", ha proseguito Farage. Da quel che si sa, non è che la folla sia impazzita per Farage, anche perché negli Stati Uniti - e figuriamoci tra i supporter di Trump - ben pochi lo conoscono.

È stata poi la volta di Trump, che si è speso in molteplici attacchi contro la Clinton: "Considera le persone di colore solo dei voti non degli esseri umani; lei non crede che l'America venga prima di tutto, crede che i donatori vengano prima di tutto".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO