Terremoto Centro Italia: arriva la Dicomac

terremoto-centro-italia-dicomac.png

Dicomac è un acronimo che sta per Direzione di Comando e Controllo.

L'ho vista all'opera la prima volta durante la gestione post-terremoto a L'Aquila, nel 2009.

L'istituzione della Dicomac a Rieti (80,7 km da Roma) è una di quelle cose che potrebbe anche lasciar perplessi: il senso della Direzione è quello di costituire un avamposto per la Protezione civile laddove non sia possibile operare da Roma (era stata ipotizzata, in sede di simulazione, in caso di terremoto nella Sicilia occidentale). Il senso di avvicinarla, spostandosi di 80 km, è quello, probabilmente, di essere più vicini a sindaci e prefetti per le riunioni: in ogni caso, tutte le spese di istituzione e gestione della Dicomac sono a carico del fondo per l'emergenza.

dicomac-ordinanza.jpg

Rientra perfettamente nella linea di "pensiero" e azione della Protezione Civile da L'Aquila in poi.

Un paio di commi, senza che si definiscano chiaramente poteri e limiti dell'azione della Dicomac.

Come di consueto, nell'ordinanza che ci sono anche tutte le leggi a cui, in virtù della decretazione dello stato d'emergenza, si può andare in deroga (nominate per numero e anno: il giornalista che volesse "decrittare" l'ordinanza per spiegarla alle popolazioni colpite, dunque, dovrebbe mettersi a leggere tutte le leggi nominate). Potranno essere modificate o aumentare nel tempo. E sono quelle che vanno "controllate", anche per capire non solo come verranno gestiti gli sfollati, come verranno smaltite le macerie e come si organizzerà il ripristino (e con quale idea politica per la ricostruzione), ma anche se ci saranno ricaschi a livello nazionale.

leggi-deroga-dicomac.png

Nell'ordinanza si stabiliscono poi, fra le altre cose, come di consueto in questi casi: il contributo d'autonoma sistemazione (è il contributo per gli sfollati che trovano autonomamente un alloggio: fino a un massimo di 600 euro al mese per famiglia, con maggiorazioni in caso di presenza di portatori di handicap, 300 euro al mese per chi è da solo), il diritto a richiedere la sospensione di eventuali mutui su edifici distrutti o inagibili.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO