Isis annuncia la morte del suo portavoce al Adnani

31 agosto 2016 - Secondo il primo comunicato diffuso da Amaq, Al Adnani sarebbe stato ammazzato mentre era in ricognizione nella zona circostante Aleppo. Nella tarda serata di ieri la Difesa Americana ha fatto sapere di l'attacco contro un "importante leader" dello Stato Islamico in Siria nella zona di Al Bab, proprio nel governatorato di Aleppo, a una cinquantina di chilometri verso nord-est dal capoluogo. Dopo poche decine di minuti Washington ha inoltre confermato che l'obiettivo dei raid era proprio al-Adnani.

30 agosto 2016 - Secondo quanto riferito da Amaq, agenzia stampa del gruppo Stato Islamico, il portavoce dell'Isis Abu Mohammad al Adnani sarebbe stato ucciso ad Aleppo, in Siria, dove era impegnato in una zona di combattimenti.

Non è chiaro come sia stato ucciso, se durante un raid o un combattimento, e la notizia non è ancora stata confermata da altre fonti sul posto.

Come ricorda il Corriere della Sera Adnani era nato 38 anni fa nella provincia siriana di Idlib, Taha Falah - questo il vero nome - ha fatto carriera nelle file della resistenza anti-americana in Iraq, percorso seguito da tanti futuri dirigenti dello Stato Islamico. Detenuto a Camp Bucca dagli americani, carcere dove stringe alleanze importanti, e liberato nel 2010 ripiega in Siria, dove al fronte anti-Assad prima e islamista poi cresce fino ai vertici dello Stato Islamico.

Secondo gli esperti è lui ad aver creato il sistema dove un volontario foreign fighter fa giuramento di fedeltà al Califfato e porta in dote il suo gesto alla fazione e sarebbe lui "l'uomo forte" di Isis nel reclutamento e nell'organizzazione di attentati all'estero.

afp_fq5t7-klqg-u43220349851338fqe-1224x916corriere-web-sezioni-593x443.jpg

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO