Germania, elezioni Meclemburgo-Pomerania: l'affermazione dell'Afd e la crisi delle Volksparteien

I risultati del voto in Meclemburgo-Pomerania, sono un campanello d'allarme per Angela Merkel, ma anche per le forze tradizionali di tutta Europa. Nel Land in cui la cancelliera ha il suo collegio elettorale, hanno vinto i socialdemocratici della Spd con il 30,6% dei consensi, ma non è questo il dato rilevante. La vera sorpresa è rappresentata dall'affermazione della Alternative für Deutschland,(Afd) che ha ottenuto il 20,8%. In questo modo, la destra nazionalista è diventata seconda forza, superando la Cdu che si è fermata al 19%. Le cose sono andate male anche per la sinistra della Linke che ha preso il 13,2% dei voti (cinque anni fa toccava il 18,4%). I Verdi, con meno del 5%, sono rimasti fuori dal Parlamento regionale.

Frauke Petry, 41 anni, leader dell'Afd, ora incomincia a fare paura all'establishment. Nell'ultimo periodo ha spostato decisamente a destra la linea politica del suo partito e ha fatto il pieno di consensi, cavalcando soprattutto i temi dell'immigrazione e portando avanti posizioni ultra-conservatrici su famiglia e aborto. Dopo l'ottimo risultato conseguito nel Land della cancelliera, ha subito dichiarato: "la gente non si fida più delle Volksparteien" (i cosiddetti partiti di massa). Come dire, i partiti di centro-destra e centro-sinistra, in un'Unione Europea lacerata e segnata dalla crisi economica e dall'emergenza profughi, non rappresentano più l'elettorato.

Le affermazioni dei partiti euro-scettici e anti-immigrazione non sono una novità nel vecchio continente. Tuttavia dovrebbe far riflettere, sia i popolari sia i socialisti, che anche nel paese "locomotiva" d'Europa la destra riesca ad ottenere risultati molto importanti. E dopo l'intransigenza dimostrata nei confronti della Grecia l'anno scorso, appare sempre più difficile inaugurare una nuova fase per le politiche economiche e nei meccanismi di rappresentanza dell'Unione.

Angela Merkel, dal G20 in Cina, fa buon viso a cattivo gioco. La cancelliera si è detta "molto scontenta" per il risultato elettorale in Meclemburgo-Pomerania. Ma ha aggiunto:

"Sono convinta che questo risultato abbia a che fare con la questione dei migranti, io credo che le decisioni prese siano state giuste e che dobbiamo continuare a lavorare su queste"

La direzione della Cdu, per parte sua, dimostra il suo sostegno alla cancelliera: "ha guidato con successo questo Paese attraverso molte crisi. I membri della Cdu sono fiduciosi per il futuro. Tutti dobbiamo scommettere su di lei". Alcuni politologi, però, incominciano a prefigurare scenari post-Merkel: forse un ciclo politico va verso il suo esaurimento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO