Usa 2016, Hillary Clinton rifiuta l'invito del presidente messicano Peña Nieto

HAMPTON, IL - SEPTEMBER 05:  Democratic presidential nominee Hillary Clinton looks on at the 49th annual Salute to Labor on September 5, 2016 in Hampton, Illinois. Clinton is kicking off a Labor Day campaign swing to Ohio and Iowa on a new campaign plane.  (Photo by Justin Sullivan/Getty Images)

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha invitato due settimane fa i due candidati alle elezioni presidenziali americane. Donald Trump è già stato nel paese centroamericano, Hillary Clinton, invece, ha deciso di rifiutare l'invito. A confermarlo è stata lei stessa in una intervista rilasciata all'emittente ABC News.

L'ex segretario di Stato ha detto al giornalista David Muir che ha intenzione di declinare l'invito di Peña Nieto: "No non andrò (in Messico ndr.). Continuerò a concentrarmi su delle soluzioni per creare posti di lavoro a casa e per dare agli americani migliori opportunità per il futuro".

Pronto il commento del ministro degli Esteri messicano al mancato incontro. Claudia Ruiz Massieu ci ha tenuto a smentire su Twitter qualsiasi tensione tra il suo governo e Clinton. "Manteniamo una comunicazione permanente e produttiva con la campagna di Hillary Clinton", ha dichiarato. E ha aggiunto: "Comprendiamo e rispettiamo la sua decisione di rinviare ad un altro momento la riunione".



Clinton, che ha già un sostegno solido tra l'elettorato dei latinos, con questa mossa ha messo in difficoltà sia Peña Nieto sia Trump. Per un verso, infatti, ha deciso di non farsi vedere accanto ad un presidente che tra gli immigrati messicani non gode di simpatia e che necessita dell'appoggio di Washington. E, d'altro canto, ha colto l'occasione per colpire il suo competitor dopo il suo viaggio in Messico.

La candidata del Partito Democratico ha colto la palla al balzo parlando di "incidente diplomatico" con il Messico provocato dal tycoon. Ed ha anche aggiunto che la sua comunicazione non è adatta ad un aspirante capo di Stato.

A tale riguardo, ricordiamo che Trump ha spesso insultato i messicani durante la sua campagna. La sua visita in Messico doveva essere un'occasione per mostrarsi più accogliente nei confronti dei vicini. E così è stato, almeno per 24 ore. Al suo ritorno negli Stati Uniti, è tornato alla carica con esternazioni razziste e ha detto che è determinato a far costruire un muro anti-immigrazione al confine; muro che a suo dire "sarà pagata al 100%" dal governo di Città del Messico. Peña Nieto, per parte sua, ha subito smentito che ci fosse un accordo per la spesa della barriera.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO