Messico, manifestazioni per chiedere le dimissioni di Pena Nieto

Migliaia di messicani sono scesi in piazza a Città del Messico per chiedere e dimissioni del presidente Enrique Pena Nieto, giudicato come inadatto a contrastare le due principali piaghe che martoriano il più popoloso paese centroamericano: la droga e la corruzione.

Ma c’è un altro passo falso che i messicani non hanno perdonato a Pena ed è il recente incontro con il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump che dopo avere attaccato per mesi gli immigrati messicani ha fatto dietrofront (“sono gente onesta”), pur restando fermo sulla sua idea di costruire un muro al confine fra Messico e Stati Uniti.

I cartelli esposti dai manifestanti recitavano “Pena Nieto inetto, dimettiti per il bene del Messico” e, ancora, “Per il bene del Messico: rinuncia”.

La conclusione del corteo è stata simbolicamente nella piazza Zocalo dove tradizionalmente il capo di stato si affaccia dal balcone del Palazzo nazionale alla vigilia della festa del Giorno del Indipendenza.

Tra i manifestanti erano presenti anche i genitori dei 43 studenti scomparsi il 26 settembre del 2014 che ritengono che i loro figli siano stati uccisi dalla polizia.

Via | Askanews

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO