Siria, raid su Aleppo durante il cessate il fuoco

Quattro raid aerei hanno colpito i quartieri orientali della città di Aleppo, in mano alle forze di opposizione e assediati dai primi di settembre dalle forze governative, e rischiano di rendere vano ogni sforzo per il cessate il fuoco: si tratta infatti dei primi raid sulla città da quando è entrato in vigore il cessate il fuoco concordato tra Mosca e Washington. Molte persone sarebbero rimaste ferite e altre presumibilmente uccise.

Questo evento potrebbe rappresentare in effetti la fine definitiva del tentativo di cessate il fuoco e le prossime ore saranno cruciali per sondare le reazioni.

Non è ancora chiaro chi abbia condotto i bombardamenti. Ma potrebbe trattarsi con ogni probabilità di una ritorsione condotta da Damasco e Mosca dopo gli attacchi della coalizione a guida statunitense che hanno ucciso decine di soldati delle forze del presidente Bashar al Assad nell'est del paese pochi giorni fa, anche in questo caso mentre ad Aleppo era in corso il cessate il fuoco (che valeva solo su Aleppo). La coalizione a guida americana ha poi attribuito a un errore il raid contro le unità di Damasco, scambiate per milizie legate allo Stato Islamico.

In cinque anni, la guerra civile siriana ha fatto oltre 300mila morti e ha costretto a fuggire da casa metà della popolazione siriana e sarà al centro delle discussione all'Assemblea generale delle Nazioni unite, l'annuale appuntamento internazionale che si aprirà domani a New York, focalizzato quest'anno sul problema delle migrazioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO