DiMartedì | Puntata 27 settembre 2016

DiMartedì: la puntata del 27 settembre 2016

  • 21.02

    Tra circa 10 minuti inizierà la puntata. Ecco quali saranno gli ospiti.

  • 21.18

    Floris lancia temi e ospiti. Poi subito pubblicità.

  • 21.24

    La presidene Boldrini in studio.

  • 21.27

    Boldrini osserva che "non tutto il vecchio è da rimuovere". Sul referendum: "I cittadini hanno a cuore la Carta, bisogna andare sul merito".

  • 21.29

    Boldrini: "Non possiamo lacerarci sul referendum. Il giorno dopo bisogna andare avanti". Sull'Europa: "È l'unica casa comune che può darci un futuro".

  • 21.31

    Sullo stretto di Messina: "Se io dovessi decidere le priorità per me non sarebbe quella la priorità. Per me sarebbe rilanciare il lavoro al Sud, mettere in sicurezza il nostro territorio. Se abbiamo poche risorse, le dobbiamo usare per mettere in sicurezza il nostro territorio. La crisi economica tocca tanti aspetti. Noi non riusciamo ancora ad avere una crescita e questo è il problema numero uno per il nostro Paese, specialmente per il Meridione. Il Meridione è la parte d'Italia da cui bisogna cominciare".

  • 21.33

    Maurizio Crozza.

  • 21.35

    "Giova, in studio ci siete tu, Massimo Giannini e Massimo D’Alema. Sembra una pizzata di gente fatta fuori da Renzi”

  • 21.43

    Floris a D'Alema: "L'idea del Ponte le piace?". D'Alema ride, poi aggiunge: "È un omaggio a Berlusconi".

  • 21.43

    D'Alema: "Renzi prometterà tutto a tutti, è iniziata una lunga campagna elettorale".

  • 21.44

    Secondo D'Alema, fissare al 4 dicembre il referendum è una mancanza di rispetto per gli italiani: "Si poteva votare a ottobre".

  • 21.45

    D'Alema insiste: "Votando il 4 dicembre Renzi allunga la sua campagna elettorale".

  • 21.46

    D'Alema traduce il quesito referendario: "La riforma darà vita ad un bicameralismo confuso, pasticciato, rallenterà le approvazioni delle leggi. Il Senato non si abolisce, ma sarà nominato dai partiti e non eletto dai cittadini".

  • 21.50

    D'Alema sul referendum: "Renzi l'ha imposto al Paese ma non è ciò di cui i cittadini hanno bisogno". Poi nota: "Renzi è inutile che si presenti come il futuro del Paese, ma i giovani non votano per lui".

  • 21.53

    D'Alema: "Renzi sta consegnando il Paese a Grillo, lo dicono i risultati elettorali".

  • 21.54

    D'Alema: "Renzi raccoglie ceto politico più che elettori".

  • 21.55

    D'Alema: "Ormai solo il 2% degli italiani prende sul serio Renzi".

  • 21.58

    Secondo D'Alema, Renzi non ha i soldi per mantenere le promesse annunciate.

  • 21.59

    Giordano rinfaccia a D'Alema di non aver fatto in passato le riforme. Lui nega: "Noi ne abbiamo fatte tantissime".

  • 22.02

    D'Alema: "Se dovesse vincere il no il Parlamento dovrà fare la nuova legge elettorale, ma anche se vincesse il sì, quindi non ci sarebbero le elezioni anticipate".

  • 22.03

    D'Alema: "Renzi non si dimetterà da Presidente del Consiglio".

  • 22.04

    D'Alema: "Spero che la vittoria del no lo renda meno arrogante. A quel punto per Grillo sarà più difficile arrivare al potere in Italia".

  • 22.07

    D'Alema: "Io ho sperato che Renzi potesse portare una ventata di rinnovamento, ma poi l'ho visto essere l'espressione della vecchia politica".

  • 22.08

    D'Alema: "Io con la Mogherini parlo spesso ma di politica estera. Prodi? Con lui non ho parlato di referendum".

  • 22.13

    D'Alema ricorda che con il suo governo fu toccata "la punta più bassa della spesa pubblica degli ultimi 40 anni".

  • 22.14

    D'Alema: "In Renzi c'è un'avversione profonda nei confronti della tradizione e della storia della sinistra italiana, che io rappresento. Lui vuole rompere con quella storia".

  • 22.20

    Massimo Giannini sul Def, a cui il governo in questi minuti lavora: "La crescita nel 2017 sarà più bassa di quella stimata, ci sarà più deficit e debito".

  • 22.21

    Giannini: "Con le 14esime ai pensionati Renzi ha fatto una 'Berlusconata'".

  • 22.23

    Giannini parla anche di Equitalia: "Ok abolirla, ma ci dovrà essere comunque qualcuno che riscuota". Quindi un servizio sull'Ape.

  • 22.25

    Alessandrucci, Cazzola e Giordano per parlare di pensioni e banche.

  • 22.25

    Giordano: "L'Ape è pensione a strozzo, è un altro favore alle banche". Per Cazzola, invece, l'Ape è la soluzione.

  • 22.28

    Un servizio spiega come funziona l'assicurazione per l'Ape.

  • 22.33

    Giordano insiste sull'Ape: "E' una pensione alla Robin Hood al contrario, chi sta male paga di più". Cazzola: "Chi vuole andare in pensione prima se la paghi, per chi non può ci pensi lo Stato"

  • 22.35

    Alessandrucci nota che "se l'Ape deve essere un meccanismo volontario, dobbiamo renderlo appetibile".

  • 22.37

    Sondaggi.

  • 22.39

    In studio monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita.

  • 22.42

    Per monsignor Paglia "il problema della disuguaglianza è alla base di tutti i disastri".

  • 22.44

    Monsignor Paglia fa notare che Papa Francesco ha a cuore i poveri, non a caso ha scelto di fare viaggi in terre come Lampedusa, Albania e Africa.

  • 22.47

    Paglia su Ciampi: "Era credente e cittadino integro, due lati che dovevano tendere all'unità".

  • 22.49

    Monsignor Paglia: "Roma va prima sognata e poi governata. Non è sufficiente risolvere le buche per terra se le buche ci sono in testa".

  • 22.55

    Si apre la pagina dedicata ad alimentazione e salute.

  • 22.57

    Si parla della tavoletta del water e di carta igienica.

  • 23.06

    In un servizio si parla di batteri sullo sportello bancomat.

  • 22.13

    Come lavarsi i denti, come bere il caffè, come starnutire.

  • 23.19

    Cravatte paradiso dei germi.

  • 23.24

    Stallone rivela che nel Regno Unito "i medici non devono indossare cravatte e orologi, oggetti tra i più sporchi".

  • 23.38

    Si parla di igiene nelle sagre. E di castagne.

  • 23.42

    Floris dà conto di quanto deciso dal governo sul Def. Ma prima si continua a parlare di salute e alimentazione. Marcello Ticca in collegamento.

  • 23.48

    Ticca precisa: "La dissociazione tra carboidrati e proteine non esiste, la dieta fa perdere peso perché si mangia meno".

  • 23.50

    Ticca avverte: "L'olio di semi non è più leggero di quello di oliva, gli olii sono 100% di grassi".

  • 23.57

    In onda il reportage sulla settimana della moda a Milano e sul lusso.

  • 00.02

    Giannini commenta il Def: "Dopo una settimana da Masaniello di Europa da parte di Renzi, è prevalsa la prudenza, l'Italia deve rispettare i vincoli europei".

  • 00.08

    Giannini nota che il dato della crescita (1%) è l'unico confermato, anche se "non c'è da rallegrarsi, perché è meno della metà di quanto cresce il resto di Europa".

  • 00.10

    Giannini osserva che ci sono 5 miliardi in meno rispetto a quelli preventivati da Renzi perché il deficit dal previsto 1,8% è salito solo al 2% nonostante l'emergenza terremoto.

  • 00.10

    Giannini: "Non c'è scritto nel Def se le tasse cresceranno o scenderanno. Padoan ha rimandato il tutto alla legge di stabilità".

  • 00.11

    Viene riproposta la copertina di Crozza della scorsa settimana.

  • 00.21

    Si parla di truffe. In studio anche Paola Marella.

  • 00.23

    Bertucci: "Un poliziotto non chiede mai soldi, per nessuna ragione". Marella: "Non aprire agli sconosciuti".

  • 00.29

    Si passa ai riscaldamenti da mettere a norma e alle bollette 2.0.

  • 00.36

    Assicurazioni e lavori di ristrutturazione.

  • 00.41

    Torna monsignor Paglia per parlare del suo libro Sorella morte: "San Francesco chiamava la morte 'sorella' ma per lui erano fratelli anche i nemici".

  • 00.48

    Con l'appello solidale di Checco Zalone pro ricerca sulla Sma, finisce la puntata. Alè.

dimartedi-7-6-16-4.jpg

Questa sera, 27 settembre 2016, va in onda su La7 alle ore 21.15 una nuova puntata di DiMartedì, programma di approfondimento politico condotto da Giovanni Floris giunto alla terza edizione. Su PolisBlog il liveblogging.

DiMartedì | Anticipazioni Puntata 27 settembre 2016

Nella puntata in onda stasera si parlerà anche di attualità politica e di riforma delle pensioni. Tra gli ospiti il direttore del Tg4 Mario Giordano e l'editorialista di La Repubblica Massimo Giannini.

In apertura la copertina di Maurizio Crozza.

DiMartedì | Dove vederlo

La puntata di DiMartedì di stasera andrà in onda su La7, a partire dalle ore 21:15. Il programma è disponibile anche in streaming sul sito live.la7.it. La puntata intera sarà successivamente disponibile sul canale YouTube di La7 Attualità.

DiMartedì | Second Screen

Il programma di Floris ha una sezione sul sito ufficiale di La7. DiMartedì ha una pagina Facebook ufficiale e un account Twitter. L'hashtag ufficiale con il quale si può commentare la puntata è #dimartedi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO