Siria, l'ingresso degli aiuti Onu in quattro città

Una serie di convogli organizzati e inviati da diverse agenzie delle Nazioni Unite è arrivata in quattro città della Siria occidentale per fornire assistenza umanitaria urgente a 60.000 civili: l'invio dei convogli umanitari è avvenuto nell'ambito del cosiddetto "Accordo tra Quattro Città", i convogli hanno distribuito aiuti alla popolazione di e Zabadani nella Damasco rurale e a Foah e Kefraya nel Governatorato di Idlib.

"E' una giornata importante perchè da cinque mesi non avevamo accesso a queste quattro città [...] La gente qui teme l'arrivo dell'inverno. Non hanno vestiti, né legna per fare un fuoco o per cucinare. Bruciano tappeti, mobili per cucinare. [...] Quando ho chiesto loro cosa vorrebbero dire al mondo, hanno risposto che vogliamo che finisca l'assedio e vorrebbero ricominciare una vita normale. Si domandano cosa hanno sbagliato per trovarsi in questa situazione"

ha affermato Jakob Kern, del PAM, il Programma Alimentare Mondiale. L'area è sotto il controllo del governo di Damasco, che si occupa anche di indicare dove distribuire gli aiuti tramite le agenzie interne, cosa che da mesi è oramai nel mirino di aspre critiche per l'arbitrarietà con la quale Damasco decide dove vadano, e in che quantità, gli aiuti internazionali alle popolazioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO