Sondaggi politici, 28 settembre 2016: il M5S riprende a crescere

E il Partito Democratico riprende a scendere.

Non è durata molto la crisi del Movimento 5 Stelle: tempo un paio di settimane e il partito di Beppe Grillo ha già ripreso a crescere, almeno stando ai sondaggi Emg trasmessi durante il TgLa7. Merito di Italia 5 Stelle, probabilmente; merito sicuramente del leader storico, che nel momento della difficoltà ha messo in ombra tutti gli scalpitanti giovanotti, ha ripreso il centro del palcoscenico e ha proclamato: "Il capo sono io".

Una sconfitta per un partito che ha sempre visto il conseguimento della maturità nella capacità di diventare indipendente dai fondatori, ma la morte di Casaleggio e il caos romano hanno complicato le cose, rendendo indispensabile il ritorno a tempo pieno di Grillo con tanto di nuovo statuto che gli conferisce tutti i poteri necessari per comandare.

I sondaggi premiamo questa svolta: il Movimento 5 Stelle cresce di mezzo punto e arriva al 29,5%. Nonostante tutto, però, il Partito Democratico riesce comunque a restare avanti con il 31,2%, ma in pesante calo (-1,2) rispetto alla settimana precedente. Come sempre, dietro questi due partiti c'è il vuoto: la Lega cresce leggermente al 12,1% (+0,5), stabile Forza Italia all'11,9% (ma bisognerà gli effetti sul medio termine della cura Parisi).

Ben poco si muove in caso di ballottaggi: il M5S batterebbe sonoramente il Pd e distruggerebbe il Centrodestra, mentre il Partito Democratico si tiene la magra consolazione di essere in grado di sconfiggere agevolmente un'ipotetica coalizione di centrodestra.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO