Usa, legge 11/09: il Congresso respinge il veto di Obama. A rischio le relazioni con l'Arabia Saudita

President Obama Holds News Conference At The White House

Ieri, mercoledì 28 settembre, il Congresso degli Stati Uniti ha respinto il veto del presidente Barack Obama sulla legge che permette di denunciare l'Arabia Saudita per il suo presunto ruolo negli attentati terroristici dell'11 settembre 2001. L'inquilino della Casa Bianca aveva rigettato la norma la scorsa settimana. A questo punto le relazioni diplomatiche con la monarchia del Golfo, alleato chiave degli americani, si complicano non poco.

Il presidente aveva già messo il veto su altre 12 leggi in passato. Ma è la prima volta che il Congresso revoca una sua decisione in tal senso. Un vero e proprio sgambetto dei repubblicani ad Obama, che il prossimo anno lascerà il posto a Hillary Clinton o a Danald Trump.

La norma, la Justice Ahgainst Sponsors of Terrorism Act (Jasta), a cui la Casa Bianca si è opposta, statuisce un'eccezione in caso di terrorismo alla dottrina dell'immunità sovrana, che interdice ricorsi contro una nazione nelle corti di un'altra nazione. Tale dispositivo, fortemente voluto dalle famiglie delle vittime degli attentati, rischia non solo di compromettere consolidate alleanze strategiche, ma anche di mettere in pericolo le truppe americane in paesi esteri. Ora i militari statunitensi sono a rischio di rappresaglie legali.

Il Senato, dove gli esponenti del partito dell'elefantino sono in maggioranza, si è rivelato decisivo. A dire "no" al veto di Obama, sono stati in 97. Dalla parte di Obama si è schierato solo il democratico Harry Reid del Nevada. "E' uno degli atti più imbarazzanti del Senato degli ultimi decenni. I senatori dovranno rispondere alla loro coscienza per ciò che hanno fatto", ha dichiarato il portavoce del presidente, Josh Ernest, ad operazioni di voto concluse.

La legge, riconfermata dal Congresso, dà la possibilità alle famiglie delle vittime di avvalersi dei tribunali degli Stati Uniti per denunciare Stati esteri, i loro dirigenti e i loro funzionari per appurare eventuali legami con il terrorismo. E ovviamente ora il regime di Riad finirà sotto accusa, visto che dei 19 attentatori dell'11 Settembre 14 erano erano cittadini sauditi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO