Trump ai malati terminali: "non morite prima dell'8 novembre e votate per me"

Donald Trump non è ancora arrivato ai livelli di Telespalla Bob dei Simpson, ma ci si sta avvicinando. Nel celebre cartone animato l'arci-nemico di Bart Simpson si candida con i repubblicani e a sorpresa riesce a vincere le elezioni; un risultato poi annullato quando Bart e Lisa riescono a scoprire che Telespalla Bob ha falsato le elezioni facendo votare anche i morti per lui ("Oddio! I morti resuscitano e votano repubblicano!" cit. Bart).

Trump non è ancora arrivato ai morti, ma ai malati terminali non vuole rinunciare. Durante un raduno in Nevada ha infatti chiesto pubblicamente ai malati terminali che lo sostengono di non morire prima dell'8 novembre, giorno delle elezioni per la Casa Bianca. "Lo dico scherzando, ma lo dico davvero", questo l'incipit del suo invito a resistere alla morte, poi così proseguito: "Non morite prima di avermi votato. Non mi importa quanto sei malato. Non mi importa se sei appena tornato dal medico e lui ti ha dato la peggiore diagnosi possibile, che significa che è finita. Non importa. Reggete fino all’8 novembre. Uscite e votate".

Ancora una volta Trump dimostra di possedere un senso dell'umorismo tutto suo oltre ad un ego davvero smisurato. Chissà se i malati terminali di fede repubblicana avranno davvero apprezzato la sua voglia di scherzare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO