Iraq: l'Isis attacca a sorpresa Kirkuk

Displaced Iraqis from Hawijah and the town's surrounding villages arrive at the Kurdish Peshmerga forces' Maktab Khaled checkpoint, some 35 kilometres south of the northern Iraqi city of Kirkuk, after fleeing clashes between pro-Iraqi government forces and Islamic State (IS) group jihadists on October 3, 2016.  / AFP / Marwan IBRAHIM        (Photo credit should read MARWAN IBRAHIM/AFP/Getty Images)

Mentre procede l'offensiva su Mosul, roccaforte dell'Isis in Iraq, i jihadisti, a sorpresa, sono riusciti ad aprire un nuovo fronte di battaglia. Cellule dormienti dello Stato Islamico, alle prime luci dell'alba di oggi, 21 ottobre, hanno colpito edifici governativi, centrali di polizia e occupato un hotel a Kirkuk, città ubicata a 90 chilometri a Sud-Est di Erbil e a circa 170 chilometri dalla stessa Mosul. Altri attacchi si sono verificati a Dibis.

Gli islamisti, secondo le forze di sicurezza curde, hanno impiegato una decina di kamikaze. Non ci sono segnalazioni, al momento, di perdite civili e militari tra le fila irachene. Sei terroristi, invece, sarebbero stati abbattuti prima di raggiungere la polizia.

I miliziani avrebbero fatto ricorso a dei camuffamenti, usando divise e auto della polizia per aggirare i controlli. Alcuni cecchini sarebbero riusciti a salire sui tetti degli edifici nel centro di Kirkuk. Le forze di sicurezza starebbero ancora tentando di individuarli.

Dal punto di vista strategico-militare, le milizie fedeli all'autoproclamatosi califfo Abu Bakr al-Baghdadi, stanno provando ad alleggerire la pressione nell'area di Mosul, dove sono in seria difficoltà. A tale riguardo, proprio ieri i Peshmerga curdi hanno liberato altri villaggi, incluso quello cristiano di Bartella, a 15 chilometri dal centro di Mosul. In questo modo, sono riusciti ad occupare un centro situato sulla strada che collega la capitale dell'Isis a Ebril.

Intanto, altre 16 persone hanno perso la vita a Dibis (nel governatorato di Kirkuk) nell'attacco da una centrale elettrica. L'appalto per la centrale è nelle mani di una impresa di Teheran, e tra i morti ci sarebbero 4 tecnici iraniani. A dare la notizia il sindaco della città, Abdullah Nureddin al-Salehi, all'agenzia Afp.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO