Assegno ai disoccupati e Lega Nord: non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire


La proposta del PD di un assegno per tutte le persone che entrano nello stato di disoccupazione è stata accolta con fastidio da parte del Governo: è stata definita "irrealistica", "demagogica", "pura propaganda". Su Metro di ieri una giornalista, che deve aver viaggiato ben poco al di là delle alpi nella sua vita, l'ha chiamata addirittura "utopica".

Ci siamo dilungati già ieri sulle ragioni per cui tutto questo non é vero, e non ci ripeteremo oggi. Una reazione però spicca su tutte le altre, e ci costringe ad un ulteriore commento, quella del capogruppo della Lega Nord Roberto Costa, che ha dichiarato:

Il Governo ha già stanziato ingenti risorse per finanziare la cassa integrazione. Bisogna anche dire, però, che in un momento come questo non servono nuovi immigrati e che per creare nuove opportunità di lavoro servono riforme strutturali che rendano tutto il sistema competitivo, e cioè il federalismo fiscale

Ora, dichiarazioni di questo tipo possono provenire solo da una persona che della questione non ha capito nulla. O che fa finta di non capire, e non saprei dire quale delle due cose sia peggio.

La ragione per cui un sussidio unico di disoccupazione è una necessità sempre più improrogabile è in realtà proprio che il sistema della Cassa Integrazione è completamente sbagliato. Esso infatti dà sostegno prevalentemente ai dipendenti delle grandi aziende e a quelli con contratti a tempo indeterminato: paradossalmente, proprio il tipo di lavoratori che rischia meno di perdere il posto. Una colossale ingiustizia quindi.

Oltretutto, l'"integrazione dei guadagni" tende spesso a prolungarsi troppo a lungo (ricordate i 7 anni di stipendio assicurati agli esuberi Alitalia?) e senza nessun incentivo a cercare un nuovo lavoro per i disoccupati che la percepiscono. Un enorme spreco di risorse dunque, che potrebbero essere usate in maniera molto migliore.

Il riferimento agli immigrati poi, come quello al federalismo fiscale, c'entra proprio come i cavoli a merenda in un discorso sul welfare che, a quanto pare, l'onorevole Costa non è assolutamente in grado di affrontare.

Non posso dirvi quando, ma sono sicuro che verrà un giorno in cui anche la Lega si dovrà rendere conto che non basta indicare gli immigrati come capro espiatorio per risolvere ogni problema dell'Italia. Paese che purtroppo, recentemente, di problemi ne ha fin troppi.

Foto: ro_buk [I'm not there], Flickr.

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO