Silvio Berlusconi a Porta a Porta: «Aboliremo l'IMU». Ecco i conti. E le emergenze risolte

Silvio Berlusconi a Porta a porta

Silvio Berlusconi a Porta a Porta è semplicemente scatenato. Promette che occuperà le tv (perché, dice, il centrosinistra ha avuto 124 ore di televisione a disposizione a novembre), spara a zero su Fini e Casini («Persone orride»), cavalca ancora una volta come grandi successi del suo Governo l'emergenza rifiuti a Napoli («Abbiamo ripulito Napoli in 58 giorni») e l'emergenza terremoto in Abruzzo (con una serie di affermazioni che rasentano l'incredibile: «Il terremoto in Abruzzo: in cinque mesi abbiamo dato case a quasi 30mila abruzzesi». «Abbiamo risolto splendidamente l'emergenza». «Sono rimasti nelle tende per pochissimi giorni»).

Poi, come un tempo, contro Prodi, si giocò la carta dell'«Aboliremo l'ICI», replica:

«Aboliremo l'IMU»

E spiega anche da dove prenderà i soldi che Monti ha messo in cantiere proprio grazie all'IMU: detta, e Vespa, diligentemente, prende appunti.

Ci sono 1.800.000.000 euro dai giochi (altro cavallo di battaglia dell'ex premier, gratta e vinci, slot machine e lotterie), 1.000.000.000 euro dai tabacchi, 241.000.000 euro da tasse sulle birre e su altri prodotti alcolici, 500.000.000 euro dal su riordino dei trasferimenti alle imprese; 258.800.000 euro come addizionali sui diritti di imbarco, ovvero con 4 euro a passeggero.

Questo il grande piano di B. per abolire l'IMU.

Con l'operazione-IMU e il progetto di occupazione della tv, Berlusconi dice anche: «Punto al 40%».

Qui si osserva, attoniti, questo inverosimile ritorno al passato.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO