Beppe Grillo: "I giornali e i tg sono i primi fabbricatori di notizie false"

"Una giuria popolare per le balle dei media": è questo il titolo dell'ultimo post di Beppe Grillo, che non poteva non generare numerose polemiche.

Il fondatore del Movimento 5 Stelle attacca la stampa con forti dichiarazioni e una proposta che sembra essere provocatoria più che reale. Così Grillo: "I giornali e i tg sono i primi fabbricatori di notizie false nel Paese con lo scopo di far mantenere il potere a chi lo detiene. Sono le loro notizie che devono essere controllate".

Ed ecco la discussa e inverosimile proposta di Beppe Grillo su una "giuria popolare" con "cittadini scelti a sorte" con potere decisionale sulla veridicità delle notizie pubblicate dalla stampa.

Propongo non un tribunale governativo, ma una giuria popolare che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media. Cittadini scelti a sorte a cui vengono sottoposti gli articoli dei giornali e i servizi dei telegiornali. Se una notizia viene dichiarata falsa il direttore della testata, a capo chino, deve fare pubbliche scuse e riportare la versione corretta dandole la massima evidenza in apertura del telegiornale o in prima pagina se cartaceo. Così forse abbandoneremo il 77° posto nella classifica mondiale per la libertà di stampa.

Tra le reazioni al post di Grillo, quella del direttore del Tg de La7 (cui logo appare assieme agli altri principali media italiani) Enrico Mentana: "Fabbricatori di notizie false è un'offesa non sanabile a tutti i lavoratori del tg che dirigo, e a me che ne ho la responsabilità di legge. Ne risponderà in sede penale e civile".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO