Bersani: "Congresso a giugno e voto nel 2018"


Pierluigi Bersani traccia la linea su quelli che - dal suo punto di vista - devono essere i prossimi programmi in agenda nel Pd: prima il congresso nel partito, e solo dopo il voto.

Parlando con i giornalisti a Montecitorio, Bersani spiega: "È ora che tutti, dico tutti, dicano parole chiare: io sono per il voto nel 2018, perché il governo governi e da qui a giugno si faccia la legge elettorale e a giugno il congresso".

Quello di Bersani è un invito all'attuale dirigenza del Pd: "altrimenti, se non rimettiamo i piedi a terra, i cittadini non capiscono e andiamo nei guai non solo politici ma anche economici e sociali".

Bersani chiede inoltre che - nel processo di riforma della legge elettorale - vengano tolti i capolista bloccati.

"Io, Franceschini, Orlando, Renzi, dobbiamo dire quando vogliamo andare a votare. Da quel momento metti in fila tutto: il governo, la legge elettorale, la manovra, il congresso, tutto. Si mette in ordine tutto. Altrimenti non si esce da questo circuito politico-mediatico e si incasina tutto", ha aggiunto l'ex segretario.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO