Ungheria: detenzione al confine per i richiedenti asilo

È in arrivo in Ungheria una nuova misura che va contro i diritti dei migranti: il parlamento ungherese ha infatti dato il via libera al progetto di legge che prevede la detenzione al confine per tutti i richiedenti asilo.

Secondo il progetto di legge, i migranti che supereranno il confine ungherese saranno subito trasferiti in centri di raccolta che saranno allestiti alla frontiera meridionale.

Viktor Orban, primo ministro ungherese, spiega che tale legge è stata preparata in risposta ai "recenti attacchi terroristici in Europa". "I migranti ci assediano, hanno cinto d'assedio la nostra patria, e l'interruzione o forte calo degli arrivi è temporaneo, temiamo presto nuovi grande ondate", ha detto.

I richiedenti asilo saranno di fatto confinati alla frontiera in cosiddette "zone di transito", in pratica detenuti in attesa di una risposta.

Il presidente del consiglio si è addirittura detto consapevole che questa legge vada contro il diritto dell'Ue "So che la misura è contraria al diritto europeo, ma siamo assediati dai migranti e difenderci è nostro diritto ed esigenza nazionale".

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati commenta che "vengono violati gli obblighi dell'Ungheria in seno al diritto internazionale e a quello dell'Unione europea, e la legge avrà un impatto terribile, tanto sul piano fisico quanto su quello psicologico, su donne, minori e uomini che hanno già patito enormi sofferenze".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO