Orlando: "Inseguire popolo centrosinistra che sta a casa o guarda altrove"

Si è tenuta al Teatro Eliseo di Roma l'iniziativa "Cambiare il Pd, ricostruire l'Italia con Orlando segretario", in cui il guardasigilli ha lanciato la sua candidatura ai vertici del Partito Democratico.

"Mi ha fatto male vedere i compagni che se ne sono andati e le persone che sono rimaste a casa, ma mi ha fatto ancora più male vedere che qualcuno di fronte a questi due fatti abbiano tirato un sospiro di sollievo", ha detto Andrea Orlando.

Su alleanze e coalizioni, il ministro ha commentato: "Io sono perché ci sia un rapporto con i moderati. Poi dobbiamo lavorare sull'ipotesi che nasca alla nostra destra una forza di centro riformista. Non faccio nomi, quello che mi interessa è collaborare in una coalizione".

Per Orlando il Pd deve essere rimesso "al centro dello scenario del centrosinistra". L'obiettivo dello sfidante di Renzi ed Emiliano è "inseguire quel popolo di centrosinistra che o è stato a casa o ha guardato da un'altra parte".

Fondamentale - secondo Orlando - che gli elettori del Partito Democratico si presentino in grande numero a votare: "Se alle primarie andrà a votare la metà della gente, come dimostrano i sondaggi, chiunque sarà il vincitore avremo perso tutti. E io non voglio un Pd debole", ha detto, aggiungendo poi che è necessaria un'azione comune dei tre candidati per portare il popolo del Pd alle primarie.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO