Renzi: "Se Raggi fosse del PD, il blog di Grillo l'avrebbe disintegrata ogni giorno"

Matteo Renzi è intervenuto oggi su diversi temi del dibattito politico attraverso la sua consueta e-news.

Nel lungo messaggio pubblicato su Facebook, l'ex premier commenta l'ultimo caso che riguarda la sindaca di Roma Virginia Raggi, con presunte irregolarità nei documenti a corredo delle firme per la sua candidatura nella capitale.

Renzi non interviene nel merito del caso ma sposta la polemica sulla linea che il M5S tiene a difesa della prima cittadina di Roma: "Se la Raggi avesse avuto la tessera del PD, il blog di Beppe Grillo l'avrebbe disintegrata ogni giorno con post virali e accuse infamanti".

Il messaggio di Renzi è rivolto principalmente ai colleghi del Pd: "Non facciamo noi i grillini. Non inseguiamoli nel loro terreno finto moralista e molto doppiogiochista. Parliamo di cose concrete, incalziamoli sul fatto che i loro progetti sono irrealizzabili, raccontiamo la nostra idea di Italia. Ma non inseguiamoli nel loro atteggiamento di scontro".

"Se ci sono firme false, lo dirà la magistratura, non una trasmissione televisiva. Fino a quel momento, massimo rispetto per il Sindaco che i romani hanno scelto. E buon lavoro. E se loro usano un altro metodo, peggio per loro: gli italiani sapranno valutare e decidere", aggiunge.

A difesa di Virginia Raggi erano arrivati oggi un post sul blog di Beppe Grillo, secondo il quale "Tutte le firme raccolte a Roma per la presentazione della lista di Virginia Raggi sono autentiche e autenticate" e il post di Luigi Di Maio, che senza citare direttamente il caso Raggi ha scritto "Non curatevi di chi ci attacca, soprattutto se è il Pd, ci aiuteranno ad arrivare prima al 40%".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO