Riunione sul terremoto, Gentiloni: "3 miliardi in tre anni". Zingaretti: "Fatti passi avanti"


Si è tenuta oggi, a Palazzo Chigi, una riunione incentrata sulla ricostruzione delle Regioni terremotate.

La riunione, presieduta dal presidente del consiglio Paolo Gentiloni, ha visto la presenza dei governatori Nicola Zingaretti (Lazio), Luca Ceriscioli (Marche), Catiuscia Marini (Umbria) e Luciano D’Alfonso (Abruzzo). C'erano inoltre il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, e il capo del dipartimento Protezione civile, Fabrizio Curcio.

Al termine della riunione, Gentiloni ha annunciato in conferenza lo stanziamento di almeno tre miliardi di euro nei prossimi tre anni.

"Nel decreto che faremo a metà aprile inseriremo un fondo per la ricostruzione che sarà molto rilevante: oltre 1 miliardo all'anno per i prossimi 3 anni per la ricostruzione delle aree colpite da terremoto", così il premier.

Gentiloni ha sottolineato che questa misura non inciderà sull'indebitamento netto: "Il fondo per il terremoto non incide sull'indebitamento netto e farà parte di un decreto che ho volutamente definito correttivo ma anche di sostegno alla crescita, il Def, perché sin dal primo momento il governo ha parlato di un'operazione non di depressione dei segnali di crescita ma di incoraggiamento".

Seppur evidenziando il continuo impegno del governo, il premier ha spiegato che "stiamo uscendo dalla fase più acuta dell'emergenza e lo faremo anche dal punto di vista della maggiore responsabilizzazione delle realtà locali".

Questo il commento di uno dei presidenti di regione presenti, Nicola Zingaretti: "Con il governo abbiamo fatto dei passi avanti, nel senso che ora abbiamo più certezze per un progetto che è divenuto più solido. Stiamo lavorando per mantenere gli impegni e per far tornare la gente nei propri territori, come conferma la presenza di ben 38 cantieri".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO