Brexit, Merkel contro May: "No a negoziati bilaterali"

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha respinto al mittente la richiesta della premier britannica Theresa May per una sorta di pace separata tra Londra e Berlino, in sostanza che i negoziati sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea procedano in parallelo con quelli relativi alla definizione delle future relazioni bilaterali tra i due paesi.

Membri e simpatizzanti dell’Ukip, il partito britannico che più di ogni altro si è battuto per il divorzio dall’Unione europea, celebrano con torte e champagne l’inizio formale della procedura di sgancio, sancita dalla consegna al presidente dell’Unione europea Donald Tusk a Bruxelles della lettera di inizio procedura da parte di Tim Barrow, ambasciatore britannico presso la Ue, ma nel vecchio continente (e lo ha sottolineato ieri anche Donald Tusk) nessuno se la sente sul serio di festeggiare:

“Prima di tutto i negoziati devono chiarire come mettere ordine in quelle strette relazioni reciproche. Solo dopo si potrà, anche se spero al più presto, trattare delle nostre future relazioni. [...] La Germania, nell’ambito dell’Unione europea, condurrà in maniera giusta ed equilibrata i prossimi negoziati e spera che sarà lo stesso anche da parte di Londra, come mi ha assicurato il premier britannico in un colloquio telefonico”

ha dichiarato la cancelliera tedesca.

ESSEN, GERMANY - DECEMBER 06:  German Chancellor and Chairwoman of the German Christian Democrats (CDU) Angela Merkel gives her central speech at the 29th federal congress of the CDU on December 6, 2016 in Essen, Germany. Approximately 1,000 CDU delegates are meeting to debate and vote on the party's course for next year following the recent announcement by Merkel that she will run for a fourth term as chancellor in federal elections scheduled for next September.  (Photo by Sean Gallup/Getty Images)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO