Polonia, il Presidente Duda blocca la riforma della Corte Suprema - FOTO

Le proteste di questo weekend in Polonia hanno sortito l’effetto sperato. Il Presidente Andrzej Duda ha annunciato oggi di aver esercitato il proprio diritto di veto per bloccare il pacchetto di riforme del sistema giudiziario polacco che, così come approvato dal Parlamento, avrebbe messo a rischio l’autonomia dei giudici della Corte Suprema.

Secondo le nuove leggi, infatti, la nomina dei giudici della Corte Suprema sarebbe passata nelle mani del Ministro della Giustizia e non più del Presidente della Repubblica su suggerimento del National Judicial Council. In migliaia, dopo l’approvazione del pacchetto di leggi da parte del Parlamento, erano scesi in strada in segno di protesta, chiedendo a gran voce al Presidente di non promulgare la legge e scongiurare così una politicizzazione della Giustizia.

L’appello è stato ascoltato. Andrzej Duda ha annunciato in diretta TV di aver posto il veto sulle leggi e di averle rimandate in Parlamento. Il Presidente ha spiegato che il suo ufficio non è stato consultato prima dell’approvazione delle leggi in Aula:

Queste legge non rafforzerà il sentimento di giustizia nella società. Queste leggi devono essere sacrificate.

L’ufficio del Presidente Duda preparerà, entro i prossimi due mesi, un nuovo progetto di legge che potrebbe andare a sostituire il pacchetto approvato la settimana scorsa.

Protesters attend a candle vigil as they take part in demonstration in front of Polish Supreme Court on July 21, 2017 in Warsaw to protest against new bill changing the judiciary system.   / AFP PHOTO / Wojtek Radwanski        (Photo credit should read WOJTEK RADWANSKI/AFP/Getty Images)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO