Matteo Salvini: "Con Berlusconi siamo in linea. Legge elettorale modificabile in una settimana"

Il leader del centrodestra oggi è stato a Modena ad assistere al riconteggio delle schede elettorali.

Salvini su governo

Matteo Salvini oggi è stato a Modena per assistere al riconteggio di migliaia di schede elettorali che avrebbero avvantaggiato il candidato del Pd Edoardo Patriarca che ha vinto per soli 46 voti contro il candidato leghista Stefano Corti.

Inevitabilmente un'apparizione pubblica del leader del Carroccio scena i giornalisti, che gli hanno fatto domande sia sul rapporto con Silvio Berlusconi, sia con i rappresentati del Movimento 5 Stelle e in particolare con Luigi Di Maio, che gli contende il ruolo di Presidente del Consiglio.

Su Berlusconi Salvini ha detto di averlo visto ieri sera e che non era affatto arrabbiato, poi ha aggiunto:

"Quello che leggo sui giornali a volte è stupefacente. Berlusconi fa parte della squadra e quindi non c'è scelta. Io parlo a nome del centrodestra, non solo della Lega. Quindi vediamo chi si accompagna al centrodestra. Se il Pd dice di no a tutti è un problema del Pd, mi spiace, me ne farò una ragione"

Salvini ha ripetuto il suo mantra, ossia i punti più importanti del suo programma di governo:

"Il mio obiettivo è quello di un governo che governi cinque anni, attuando quello che c'è nel programma: via la legge Fornero, riduzione delle tasse, taglio della burocrazia, controllo dell'emigrazione. Su questo siamo disponibili a confrontarci con tutti. Chi dirà solo 'no' si prende la responsabilità di perdere altro tempo; se qualcuno ci dirà sì siamo pronti a lavorare. Noi siamo la soluzione non il problema. Dimostreremo con i fatti che la Lega è la soluzione ai problemi creati da altri"

Salvini si è detto dunque disponibile a parlare con tutti e di aver già sentito Maurizio Martina, che ora fa le veci del segretario del Pd, e Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali. Per quanto riguarda Di Maio, invece, per ora non ci sono incontri in programma, ma sicuramente si sentiranno la prossima settimana.

Il leader del centrodestra ha parlato anche della legge elettorale e ha detto:

"L'unico modo per non prendere in giro gli italiani e fare veloce è applicare un premio di maggioranza all'attuale legge elettorale, cosa che già proponemmo e il Pd rifiutò perché probabilmente fiutava l'aria. Se di nuova legge elettorale si tratta, bisogna prendere questa che c'è e nell'arco di una settimana aggiungere un premio di maggioranza per la coalizione vincente, ed è l'unico modo per fare in fretta"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO