Francia, Sarkozy in stato di fermo: "Finanziamenti illeciti in campagna elettorale"

Sarkozy Francia finanziamenti illeciti

Nicolas Sarkozy, ex presidente francese, è stato arrestato e posto in stato di fermo a Nanterre con l’accusa di finanziamenti illeciti relativi alla campagna elettorale del 2007. La notizia è stata rilanciata dall’edizione online del quotidiano “Le Monde”, secondo cui la polizia francese sta interrogando Sarkozy nell’ambito di un’inchiesta su fondi libici e finanziamenti arrivati da Tripoli a Parigi tra il 2005 e il 2006 proprio per sostenere la campagna elettorale per le presidenziali. Dopo l’apertura dell’inchiesta avvenuta nel 2013, è la prima volta che Sarkozy viene interrogato: lo stato di fermo in cui è stato posto può durare al massimo 48 ore, dopodiché l’ex presidente francese finirà davanti al magistrato.

Le indagini sull’ex presidente francese sono scattate dopo il documento libico pubblicato sul sito di Mediapart: nello stesso, si farebbe riferimento proprio a finanziamenti libici per la campagna elettorale di Sarkozy. Già nel 2016, i magistrati francesi avevano fermato Ziad Takieddine, intermediario ritenuto un trafficante d’armi che aveva confessato di aver trasportato 5 milioni di euro in contanti da Tripoli a Parigi tra il 2006 e il 2007, e di averli consegnati al ministro dell’Interno del tempo, Claude Guéant, molto vicino al presidente. Per questo motivo, Takieddine è stato accusato di “complicità in corruzione di funzionario straniero” oltre che di “appropriazione indebita di fondi pubblici in Libia”.

E non è tutto, perché secondo quanto emerge da alcuni documenti dell’ex ministro del Petrolio libico Choukri Ghanem (nel 2012 trovato morto nel Danubio e in circostanze poco chiare), ci sarebbero addirittura pagamenti diretti a Sarkozy. Eventualità confermata indirettamente anche da Bechir Saleh, ex finanziere di Gheddafi, che a Le Monde qualche tempo fa aveva dichiarato: “Gheddafi disse di aver finanziato Sarkozy. Sarkozy negò tutto. Credo più Gheddafi di Sarkozy”.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO