Presidenza Camere, il Pd "apre al confronto se si riparte da zero"

Intanto il Centrodestra ha convocato una nuova riunione.

Presidenza Camere posizione del Pd

Fervono le trattative in vista della giornata di domani, quando cominceranno le elezioni vere e proprie dei Presidenti di Camera e Senato.

Ieri il Pd, dopo una riunione al Nazareno, aveva detto che non avrebbe partecipato ai tavoli nei quali Centrodestra e M5S si sarebbero presentati con dei nomi già decisi, ma oggi il capogruppo uscente Ettore Rosato il coordinatore della segreteria Lorenzo Guerini e il vicesegretario nonché "reggente" in carica Maurizio Martina hanno chiarito che se si riparte da zero loro sono disposti a partecipare alla discussione sulla scelta della seconda e terza carica dello Stato.

In particolare Ettore Rosato è intervenuto su Radio Capital nel corso della trasmissione Circo Massimo e ha spiegato, riferendosi al comunicato di ieri degli avversari del Pd:

"Nel comunicato c'era scritto 'abbiamo già deciso i presidenti di Camera e Senato, uno a Forza Italia e uno al M5s, ci vediamo e così ve lo diciamo. Bastava un sms sotto quel profilo. Nella tarda serata Forza Italia ha poi detto facciamo un incontro partendo da zero e a quel punto siamo assolutamente disponibili come sempre al confronto, a ragionare insieme"

Il suo compagno di partito Lorenzo Guerini ha aggiunto:

"Se si riparte da zero ragionando con disponibilità e con il criterio ispiratore che è quello di fare le scelte migliori per affidare le presidenze di Camera e Senato il Pd c'è"

E infine Maurizio Martina, colui che attualmente fa le veci del segretario Pd dopo le dimissioni di Matteo Renzi, al Tg2 ha detto:

"Sulle presidenze di Camera e Senato se c'è la possibilità di un confronto aperto tra tutte le forze politiche noi ci siamo. Bisogna però ripartire da capo e bisogna dare a tutti modo di esprimere delle proposte nel segno dei principi fondamentali di garanzia e di massima rappresentanza. Non ci vengano a proporre soluzioni a scatola chiusa perché noi non le accettiamo"

Presidenza Camere: Berlusconi convoca nuovo vertice


Intanto Silvio Berlusconi ha nuovamente convocato i suoi alleati a Palazzo Grazioli, come era già avvenuto ieri, quando in un comunicato il Centrodestra è sembrato intenzionato ad accaparrarsi la Presidenza del Senato lasciando quella della Camera al M5S. Il Presidente di Forza Italia è ancora intenzionato a spingere per Paolo Romani come Presidente a Palazzo Madama, nonostante il possibile veto dei pentastellati a causa di una condanna per peculato di Romani.

Proprio il M5S, che oggi si sarebbe dovuto riunire alle 13 per l'assemblea congiunta dei gruppi, ha rinviato l'appuntamento e nelle prossime ore fisserà una nuova convocazione, anche in questo caso, ovviamente, la discussione verterà sulla presidenza delle Camere.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO