Donald Trump bandisce i transgender dall'esercito Usa "eccetto circostanze limitate"

Il motivo è spiegato in una nota della Casa Bianca.

Donald Trump bandisce i transgender dall'esercito

Mantenere soldati che richiedono un sostanziale trattamento medico "presenta un rischio considerevole per l'efficacia" dell'esercito. Questo è il motivo per cui Donald Trump ha deciso di bandire i transgender dall'esercito americano, salvo "circostanze limitate".

I transgender sono ammessi nell'esercito dal 2016, per volere di Barack Obama, ma l'anno scorso Trump dichiarò che avrebbe revocato la decisione del suo predecessore in base alla quale le persone transgender che erano già nelle forze armate potevano restarvi con effetto immediato anche dopo aver dichiarato apertamente il cambio di genere, inoltre Obama aveva deciso che i costi medici per il cambiamento di sesso dei soldati sarebbero state a carico del Dipartimento della Difesa e che le nuove reclute sarebbero potute entrare nell'esercito 18 mesi dopo il cambio di sesso.

Alcuni tribunali federali hanno nel frattempo emesso delle sentenze che di fatto dichiaravano incostituzionale un intervento di Trump volto a negare la permanenza e l'accesso all'esercito ai transgender.

Ora ecco l'ordine ufficiale dell'attuale Presidente degli Stati Uniti che vieta ai transgender di far parte dell'esercito Usa salvo "circostanze limitate". Quali siano queste eccezioni non è stato ancora chiarito dalla Casa Bianca, che si è limitata a spiegare in una nota che il motivo è, appunto, il "rischio" per l'efficacia dell'esercito a causa dei trattamenti medici a cui queste persone si sottopongono.

Ricordiamo che per transgender si intende una persona che si riconosce nel genere opposto al suo sesso biologico oppure in un genere intermedio tra maschile e femminile. Inoltre i transgender possono anche essere transessuali e sottoporsi a operazioni di transizione da un sesso all'altro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO