Presidenziali in Egitto, 97% dei voti per Al-Sisi. Mattarella: "Verità su Giulio Regeni"

Il presidente egiziano Abdul Fattah al-Sisi è stato rieletto per un secondo mandato di quattro anni alla guida del Paese, ottenendo come la prima volta il 97% delle preferenze, praticamente in assenza di avversari.

L'apertura dei seggi per ben tre giorni non è servita a far aumentare l'affluenza rispetto alle precedenti elezioni. Nel 2014, infatti, si era presentato a votare il 47.5% degli aventi diritto, mentre stavolta soltanto il 41% si è preso la briga di raggiungere il seggio e votare.

L'altro candidato alla Presidenza, il leader del partito Ghad Moussa Mostafa Moussa, era un forte sostenitore di Al-Sisi e fino a poche settimane prima delle elezioni aveva invitato gli elettori a votare proprio Al-Sisi.

L'ex ministro della Difesa ed ex Primo Ministro resterà quindi in carica per i prossimi 4 anni e poche ore dopo l'annuncio della riconferma il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha prontamente rinnovato la richiesta di chiarezza sul caso di Giulio Regeni, il cittadino italiano rapito il 25 gennaio 2016 in Egitto e ritrovato morto il 3 febbraio a pochi passi da una prigione dei servizi segreti egiziani.

Abbiamo accolto con favore le dichiarazioni da lei fatte in più occasioni circa l'impegno suo personale e delle istituzioni egiziane a pervenire a risultati definitivi sulla barbara uccisione di Giulio Regeni. Sono certo che il raggiungimento della verità, attraverso una sempre più efficace cooperazione tra gli organi investigativi, contribuirà a rilanciare e rafforzare il rapporto storico di assoluto rilievo tra i nostri paesi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO