Consultazioni, Di Maio: "No al governo con Salvini e Berlusconi"

Le parole di Luigi Di Maio subito dopo l'incontro a Palazzo Giustiniani

M5S con Maria Elisabetta Alberti Casellati

Il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha parlato al termine delle consultazioni con la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, titolare dell'incarico esplorativo affidatole martedì dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il leader della Lega Matteo Salvini aveva anticipato aperture da parte di M5S, facendo immaginare una fine dello stallo in corso ormai da settimane, ma questo colpo di scena non c'è stato. Di Maio ha rispedito ancora una volta al mittente la possibilità di sedersi al tavolo con Matteo Salvini insieme a Silvio Berlusconi o Giorgia Meloni.

Ecco la sua dichiarazione integrale al termine dell'incontro:

Abbiamo terminato da pochissimo l'incontro con la Pres. Casellati. Prima di tutto voglio fare un riepilogo di questo percorso fatto fino ad ora con Matteo Salvini. Abbiamo fatto partire e rese operative le Camere in tempi abbastanza celeri, abbiamo avuto una sintonia su molti temi. È chiaro che c'è una disponibilità a discutere di programmi. Stamattina ci siamo sentiti e ci siamo detti che siamo disponibili a parlare di programmi e di questioni che riguardano l'Italia, però è anche vero che noi oltre determinate barricate e limiti non possiamo andare. Ho detto chiaramente che c'era la disponibilità a formare un governo con Matteo Salvini e ho detto anche a Matteo Salvini che sarebbe stati disposti ad accettare la possibilità che quel governo, firmato per lui, fosse sostenuto anche da Forza Italia, ma era chiaro che le discussioni dovevano essere solo con lui. Se mi si chiede di sedermi a un tavolo insieme a Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, capite che è molto complicato per noi digerire questo scenario.

E, ancora:

Da parte di M5S c'è sempre stata disponibilità a dialogare sui temi. Resta aperta l'ipotesi di un contratto di governo sullo stampo tedesco a due forze politiche, stiamo provando in tutti i modi a far capire che vogliamo dare un governo a questo Paese, ma questo contratto di governo dovrà essere firmato soltanto da me e Matteo Salvini, da due persone che rappresentano due forze politiche. Non è pensabile, lo dico ai nostri lettori e ai nostri attivisti, che tre forze politiche contrattino i ministri, i segretari etc. Lo dico con tutta la volontà di collaborare alla formazione di un nuovo governo, ce la metteremo tutta, nulla per me si chiude e nulla per me è perduto, ma non possiamo andare oltre determinati limiti. Saremmo degli ipocriti a rinnegare il passato.
Voglio ringraziare la Presidente Casellati per il lavoro che ha fatto e sta facendo, è stato molto prezioso confrontarci con lei sui probabili scenari e con quelli poco probabili. Andremo avanti, ma senza colpi di scena che possono immaginare Di Maio al tavolo con dentro altri ministri che vengono da tre forze politiche diverse. Non siamo mai stati disponibili a questo e non lo saremo mai.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO