Siria, restituita alla Francia la Legion d'onore attribuita ad Assad

"Per il presidente Assad non è più onorevole indossare una decorazione attribuita da un Paese schiavo e seguace degli Stati Uniti"

La riconsegna della Legion d'Onore

La Siria ha battuto la Francia sul tempo. Pochi giorni fa, dopo l'azione militare condotta dagli Stati Uniti in Siria col supporto di Francia e Regno Unito, la Francia aveva fatto sapere di aver avviato la procedura disciplinare per revocare la Legion d'onore, la più alta onorificenza attribuita dalla Repubblica francese, al presidente siriano Bashar al-Assad.

Il riconoscimento - nella sua classe più alta, la grande croce - era stato attribuito ad Assad nel 2001, pochi mesi dopo la sua salita al potere in seguito al decesso del padre Hafiz al-Asad. Ora, però, a distanza di 16 anni e dopo quanto emerso negli ultimi anni sulla figura di Assad, la Francia aveva deciso di fare un passo indietro e di revocare quel riconoscimento.

Assad, però, ha giocato di anticipo e poche ore fa, attraverso l'Ambasciata della Romania a Damasco, che rappresenta gli interessi della Francia in Siria, il presidente Assad ha rispedito al mittente quella grande croce:

Il ministro degli esteri ha restituito alla Repubblica francese la decorazione della grande croce della Legion d'Onore attribuita al Presidente Assad. Per il presidente Assad non è più onorevole indossare una decorazione attribuita da un Paese schiavo e seguace degli Stati Uniti che supporta il terrorismo.

Tra le figure illustri a cui nel corso degli anni è stata attribuita la gran croce della Legion d'Onore ci sono la Regina Elisabetta II d'Inghilterra, il Re di Svezia Carlo XVI Gustavo e il generale e presidente USA Dwight Eisenhower.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO