M5S, Di Maio e Fraccaro: "La trattativa Stato-mafia c'è stata. Pietra tombale su Berlusconi. Ora Salvini decida"

Il leader del M5S e il questore della Camera hanno commentato la sentenza di Palermo.

Di Maio e Fraccaro su sentenza Stato-mafia

Mentre il Centrodestra sembra sfaldarsi a causa dei colpi di testa di Silvio Berlusconi, Luigi Di Maio preferisce commentare quella che è di fatto la notizia del giorno, ossia la sentenza di Palermo nell'ambito del processo sulla presunta trattativa Stato-mafia. Di fatto ora si può togliere il termine "presunta", perché per i giudici tale trattativa c'è stata ed è reato. Di Maio, attraverso i suoi canali social, ha commentato:

"La trattativa Stato-mafia c’è stata. Con le condanne di oggi muore definitivamente la Seconda Repubblica. Grazie ai magistrati di Palermo che hanno lavorato per la verità"

Il leader del MoVimento 5 Stelle, a dirla tutta, parla di fine della Seconda Repubblica già dal 4 marzo, da quando il suo partito è risultato il primo del Paese guadagnandosi il diritto di andare a governare, anche se non è ancora detto che ci riesca. Seconda Repubblica che ha avuto tra i suoi protagonisti Silvio Berlusconi. La frase di Di Maio, dunque, può intendersi non solo come un commento al caso specifico del processo, ma anche, più in generale, sulla situazione in cui l'Italia si trova in questo momento.

Più esplicito è il suo compagno di partito Riccardo Fraccaro, questore anziano alla Camera e alle prese con la delibera sull'abolizione dei vitalizi agli ex parlamentari, che sui suoi social ha pubblicato una foto di Berlusconi con Dell'Utri e ha scritto:

"La sentenza sulla trattativa Stato-mafia cade come un macigno su un sistema di potere che tenta ancora di avvinghiare il Paese nei suoi tentacoli. Dell'Utri fece da tramite tra Cosa nostra e Berlusconi: politicamente è una pietra tombale sull’ex Cavaliere. Ora Salvini decida"

Tornando a Di Maio, oggi era atteso per due comizi in Molise, uno alle 18 in Piazza Monumento a Termoli, con Alessandro Di Battista e Andrea Greco, un altro alle 20:30 a Campobasso, in Piazza Municipio, sempre con Greco e Di Battista più Paola Taverna e Fabio Massimo Castaldo. In realtà Di Maio al primo incontro non si è presentato e sarà solo a quello del capoluogo molisano. Si tratta, ovviamente, del comizio di chiusura della campagna elettorale il Molise dove Andrea Greco è candidato per il M5S alla Presidenza della Regione.

C'è attesa per il comizio di Campobasso per vedere se Di Maio si lascerà andare a commenti sui suoi avversari politici come ha fatto Silvio Berlusconi, che oggi non ha fatto altro che attaccare il M5S con toni fin troppo pesanti che non sono stati graditi neanche dal suo alleato Matteo Salvini che, invece, oggi è stato nella sua Milano al Salone del Mobile.

Foto © Instagram Luigi Di Maio (Di Maio e Fraccaro con Maria Spadoni, Vicepresidente della Camera)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO