Primo Maggio, Mattarella: orgogliosi della nostra Costituzione, sollecita il diritto al lavoro

Tema centrale di questo 1° maggio 2018 sarà la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Sergio Mattarella primo maggio

12.50 - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella celebrando al Quirinale la Festa del Lavoro ha detto poco fa: "Siamo orgogliosi della nostra Carta Costituzionale" perché fornisce "una costante sollecitazione a superare gli ostacoli che si frappongono a una piena affermazione del diritto al lavoro, a un buon lavoro". Secondo Mattarella la "crescita del lavoro e la sua qualità" devono essere "necessariamente centrali per ogni strategia di governo. Il lavoro è la priorità, avvertita dalla stragrande maggioranza dei nostri concittadini".

1° Maggio, il Papa: lavoro fondamentale per la dignità. Sindacati in piazza a Prato

L’augurio del papa per la festa del Primo Maggio arriva con un tweet: "Celebriamo san Giuseppe lavoratore ricordandoci sempre che il lavoro è un elemento fondamentale per la dignità della persona”.

Nel giorno della festa dei lavoratori molti gli appuntamenti organizzati al livello nazionale e locale dai sindacati, eventi che culmineranno con il tradizionale concertone organizzato da CGIL, CISL e UIL in piazza San Giovanni in Laterano a Roma.

Il corteo dei lavoratori organizzato come ogni anno a livello nazionale dai tre maggiori sindacati italiani quest'anno si terrà a Prato, con comizio finale congiunto dei leader di Cgil, Cisl e Uil, rispettivamente Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo,

Il tema centrale sarà la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. “Sicurezza: il cuore del lavoro”, è lo slogan del Primo maggio 2018. Prato è stata scelta quale città di rappresentiva “di un’importante e simbolica realtà industriale dove il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è fortemente sentito” ha fatto sapere le organizzazioni sindacali.

“Ci sono troppi morti per il lavoro, troppi lutti nelle famiglie. E' una cosa inaccettabile, è un bollettino di guerra che nessuno può più accettare". ha detto Annamaria Furlan al suo arrivo in piazza a Prato. Servono, per questo, "più investimenti per la sicurezza, più prevenzione e più controlli”.

Il corteo partito alle 10 da Piazza Mercatale arriverà alle 12 in Piazza del Duomo, quindi si terrà il comizio conclusivo dei tre leader sindacali.

In Italia la festa del lavoro si celebra dal primo maggio del 1891. Abolita dal regime fascista fu reintrodotta nel 1945.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO