Usa, Russiagate: il procuratore Mueller evoca un mandato per interrogare Donald Trump

Sarebbero già pronte 48 domande da porre al Presidente degli Stati Uniti.

Donald Trump interrogato per Russiagate

Secondo quanto riportato dal Washington Post, Robert Mueller, procuratore speciale che sta indagando sul caso Russiagate, ha evocato la possibilità di emettere un mandato che consenta di interrogare il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump davanti a un grand jury.

Il prestigioso quotidiano della Capitale Usa ha anche specificato che ci sarebbe già stato a inizio marzo un incontro tra Mueller e gli avvocati di Trump che avrebbero sottolineato come l'inquilino della Casa Bianca non possa essere obbligato a parlare con gli investigatori federali in relazione al Russiagate, ossia alle possibilità interferenze russe nelle elezioni presidenziali vinte contro Hillary Clinton.

Durante quell'incontro Mueller avrebbe minacciato l'emissione di un mandato per far apparire Trump davanti a un grand jury in caso di rifiuto. L'avvocato John Dowd, a capo del team difensivo, avrebbe detto a Mueller che sta "facendo perdere tempo al Presidente degli Stati Uniti". Lo stesso Dowd ha poi avuto un duro confronto con i suoi colleghi su come gestire questa richiesta di interrogatorio e si è dimesso.

Il procuratore speciale Mueller avrebbe però anche già fornito al team difensivo di Trump delle informazioni specifiche sui temi da affrontare nell'interrogatorio e con l'avvocato Jay Sekulow ha compilato una lista di 48 domande che sono state presentate dal New York Times.

Lo stesso New York Times definisce la possibilità che Trump parli con Mueller un "campo minato" per il Presidente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO