Renzi all'attacco del M5S: "Non hanno i numeri e sbroccano"

Matteo Renzi

Matteo Renzi è tornato sulla cresta dell’onda e ha tutte le intenzioni di restarvi. Dopo l’intervista rilasciata a Fabio Fazio con la quale ha sostanzialmente rimesso in riga i dissidenti del PD, l’ex premier sembra essere uscito rafforzato dalla direzione di ieri. Non è un caso, infatti, che abbia deciso di replicare ad ogni uscita proveniente dal Movimento 5 Stelle: con un post su Facebook, l’ex segretario dem non le manda a dire a Luigi Di Maio e allo stesso Beppe Grillo, tornato a parlare dopo una sorta di prolungato “silenzio elettorale”.

"Per due mesi hanno fatto i bravi, 'gli istituzionali'. Oggi capiscono finalmente di non avere i numeri per Palazzo Chigi e quindi sbroccano - scrive Renzi su Facebook - Beppe Grillo addirittura torna a proporre referendum sull'Euro e accusa gli altri partiti di Colpo di Stato per la legge elettorale, dimenticando che grazie al Rosatellum i Cinque Stelle hanno preso il 36% dei seggi, nonostante si siano fermati al 32% dei voti. Contrordine dal Blog: il Pd torna a essere un partito di delinquenti, non più il compagno di strada verso il Governo. Sui social tornano gli insulti, le campagne di odio condotte dai finti profili, il giustizialismo".

Dopo essere stato molto vicino a sedersi ad un tavolo con il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico si è allontanato dai pentastellati e sono bastate poche ore affinché il confronto tornasse duro come un tempo. Ora si parla di governo di tregua, del quale i dem sembrano pronti a far parte, mentre i "grillini" si sono già chiamati fuori. Da parte sua, intanto, Renzi ribadisce di essere “orgoglioso” per aver evitato la formazione di un esecutivo tra PD e M5S:

"Quando vedo certe capriole - insiste l’ex sindaco di Firenze - , sono orgoglioso di aver contribuito - insieme a tanti altri militanti - a evitare l'accordo tra il PD e i Cinque Stelle. Lo ripeto: sono orgoglioso. Perché non è stata una ripicca, ma solo una constatazione: rispetto ai dirigenti Cinque Stelle noi abbiamo una diversa concezione dell'Europa, del lavoro, del futuro, dei diritti, della lotta politica contro gli avversari. Massimo rispetto per gli elettori che hanno scelto i 5 Stelle - conclude - se hanno i numeri per governare, governino. Ma massimo rispetto anche per chi non vuole finire la propria esperienza come partner di minoranza della Casaleggio e Associati srl".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO