Trump fa indignare la Francia: "Al Bataclan sarebbe stato diverso se i presenti fossero stati armati"

"I terroristi sarebbero fuggiti o sarebbero stati uccisi. Sarebbe andata in modo completamente diverso, no?"

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump è finito al centro dell'ennesima polemica e stavolta ad indignarsi sono stati i cittadini francesi e non solo. Trump, ospite di un evento per la potente National Rifle Association a Dallas, in Texas, ha provato a tirare l'acqua al proprio mulino facendo un confronto con Paesi in cui le leggi sul possesso di armi sono decisamente più restrittive.

Trump ha portato come esempio i numerosi omicidi che si stanno registrando a Londra e più in generale nel Regno Unito in questi ultimi mesi, sostenendo che se la gente in strada fosse armata le cose andrebbero in modo ben diverso. Poi è toccato alla Francia e Trump ha scelto come infelice esempio gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, quando 130 persone furono uccise nel teatro Bataclan.

Il Presidente USA non si è soltanto limitato a sostenere che l'attentato al Bataclan sarebbe andato in modo diverso se qualcuno dei presenti avesse avuto con sé un'arma, ma ha anche imitato i terroristi intenti a sparare sulle vittime:

Nessuno era armato a Parigi. Nessuno. E ci ricordiamo tutti delle 130 persone uccise e le tantissime rimaste orribilmente ferite. Sono state brutalmente uccise da un piccolo gruppo di terroristi che aveva delle armi. Si sono presi il loro tempo e li hanno uccisi uno dopo l'altro. Boom! Vieni qua. Boom! Vieni qui [...] Ma se soltanto uno dei dipendenti o una delle persone che si trovano ora in questa stanza fosse stato lì con un'arma e l'avesse puntata ai terroristi, questi sarebbero fuggiti o sarebbero stati uccisi. Sarebbe andata in modo completamente diverso, no?

La memoria delle vittime è stata calpestata dalla più alta carica degli Stati Uniti e da una delle cariche più importanti al Mondo e la Francia, attraverso il Ministro degli Esteri, ha prontamente espresso "il più duro disappunto per i commenti del Presidente Trump riguardo gli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi" e ha chiesto che "la memoria delle vittime venga rispettata".

Il presidente francese Emmanuel Macron, che solo una manciata di giorni fa era in visita alla Casa Bianca, non si è espresso pubblicamente sulle parole di Trump, ma lo hanno fatto i suoi predecessori. François Hollande, in carica fino al 2017, ha definito "vergognose" le parole di Trump, sostenendo che con quelle frasi il Presidente USA "ha detto molto di quello che pensa della Francia e dei suoi valori". Manuel Valls, primo ministro della Francia dal 2014 al 2016, ha invece definito Trump "indecente e incompetente".

Donald Trump sull'attentato al Bataclan

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO