Berlusconi: nessun appoggio esterno a governo Lega-M5s

grillini inadatti a governare Silvio Berlusconi

21.30 - Berlusconi esclude qualsiasi ipotesi di appoggio esterno di Forza Italia a un governo Lega-M5s. "Silvio Berlusconi smentisce fermamente le indiscrezioni secondo le quali sarebbe pronto a dare un appoggio esterno ad un governo guidato da M5S e Lega. Dopo due mesi di tentativi per dare vita ad un governo espressione del Centrodestra, prima forza politica alle elezioni del 4 marzo, Forza Italia non può accettare nessun veto" si legge nella nota diffusa dal diretto interessato.

Stamattina il vicesegretario della Lega Giancarlo Giorgetti aveva "minacciato" la fine
dell'alleanza con la Lega se FI avesse appoggiato l'esecutivo neutrale proposto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lo stesso Giorgetti, attuale capogruppo della Lega alla Camera, in serata precisa: "Non ho mai avuto dubbi che Berlusconi non voterà il governo neutrale: mi hanno fatto una domanda su quella ipotesi e ho risposto".

Lega, Giorgetti avverte Forza Italia: "Alleanza finita se c'è l'ok al governo del Presidente"

In questo momento la Lega si trova tra due fuochi: da una parte c'è il Movimento 5 Stelle che insiste per trovare un'intesa escludendo Berlusconi e dall'altra c'è proprio l'ex Presidente del Consiglio che vorrebbe sostenere un "Governo del Presidente", che non troverebbe l'appoggio di Di Maio&Co. Questa ipotesi però non è gradita neanche alla Lega, che al tempo stesso non vorrebbe rompere l'alleanza con Forza Italia. Insomma: i veti incrociati continuano a tenere in stallo la scena politica.

Giancarlo Giorgetti oggi ha avvertito Forza Italia: "Alleanza finita se c'è l'ok al governo del Presidente". Il Capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati non vuole sostenere governi del Presidente o governi tecnici e per questo chiede un passo indietro (e non di lato) a Berlusconi: "Vogliamo trovare una soluzione per permettere la partenza di un governo politico e una forma di coinvolgimento di Forza Italia che sia compatibile con la presenza del Movimento 5 stelle. Ci siamo presentati insieme a Berlusconi per questo motivo di coerenza, che magari va oltre l'interesse e la logica, teniamo fede a questo impegno. Però chiediamo uno sforzo, una soluzione che permetta di rispondere agli italiani che ci chiedono un governo che rispetti il voto del 4 marzo".

In alternativa, la soluzione è quella di un ritorno alle urne imminente, non in autunno come vorrebbe Mattarella: "Votando a luglio c'è un rischio di astensione, ma siamo contrari al voto a settembre, perché bisogna dare presto un governo che rispetti i desiderata degli italiani".

Alla proposta di Giorgetti che, nei fatti, ha chiesto a Forza Italia di limitarsi ad un appoggio esterno, ha prontamente risposto Maria Stella Gelmini: "Oggi chiedere a FI di dare l'appoggio esterno mi pare una domanda malposta che non può che avere una risposta negativa".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO