Di Maio: "chiederemo un decreto per votare a giugno"

decreto per votare a giugno Luigi Di Maio di M5S

Un decreto per votare a giugno. Luigi Di Maio in un'intervista a La7 dice che il M5s è pronto a chiedere un provvedimento d'urgenza per votare ancora prima dell'8 luglio ipotizzato ieri da lui stesso o del 22 luglio di cui aveva parlato in seguito.

"Qualunque sarà il governo, abbiamo intenzione la prossima settimana di chiedere di emanare un decreto di emergenza per modificare un parametro del voto degli italiani all'estero e quindi andare a votare ancora prima di luglio, anche a giugno".

Di Maio intervistato da "Di Martedì", in onda stasera, spiega perché insiste per tornare subito alle urne. Il leader dei 5 Stelle dice che dopo "65 giorni" di trattative inutili ha smesso di sperare nella svolta:

"Certo, potevamo fare un po' di cose per gli italiani... con il programma della Lega avevamo cose in comune. Non hanno voluto. Se ci dovessero essere delle novità devono andare dal Presidente della Repubblica a spiegargli per filo e per segno di che novità si tratta. Se c'è una persona di cui stiamo minando la pazienza è il Presidente della Repubblica, che è stato fin troppo paziente".

Agli italiani che intendono votare la Lega di Salvini, Di Maio dice che sono voti per un partito alleato di Berlusconi e della Meloni perciò se "tutti quanti insieme, riescono a ottenere i numeri, bene, sennò non servono a niente" mentre sul Partito democratico l'ex vicepresidente della Camera è tranchant: "Non voglio averci mai più nulla a che fare, per come si sono comportati" precisando di non aver mai parlato direttamente con Renzi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO