Governo, Salvini: "Lunedì si chiude, oppure la parola tornerà a Mattarella"

Matteo Salvini

Movimento 5 Stelle e Lega hanno chiuso il contratto di Governo. Ci sono delle "piccole parti da sistemare" - come ha spiegato nel tardo pomeriggio Di Maio - ma l'accordo ha già superato il vaglio dei due capi politici. Resta da sciogliere il nodo legato al Premier che secondo Di Maio "non rappresenterà un problema", ribadendo di essere "molto fiducioso" perché "sono sicuro che troveremo una soluzione". Senza un nome da portare a Mattarella i due capi partito non saliranno al Quirinale. Di Maio non ha voluto "dare scadenze", mentre Salvini un punto l'ha messo stasera parlando da Aosta: "entro fine settimana ci sarà la chiusura. Se chiudiamo, chiudiamo lunedì; comunque vada la parola lunedì torna a Mattarella".

Domani i due non si incontreranno a Milano come qualcuno aveva ipotizzato. Salvini ha ribadito che però, adesso, è arrivato il momento di trovare un punto di incontro anche sul nome del Premier: "Abbiamo fatto un enorme lavoro, ce l'abbiamo messa tutta in un tempo limitatissimo, altro tempo non ne vogliamo portar via. Se sono ottimista come Di Maio? Io sono ottimista per natura, quindi non posso essere che ottimista ma bisogna anche essere realisti. Ci sono delle scelte che dipendono da noi e ci sono scelte che dipendono da altri. Se chiudiamo, chiudiamo lunedì, altrimenti avremo fatto un grande lavoro di cui qualcuno ci sarà grato".

Ai microfoni di SkyTg24, il leader della Lega ha ribadito che "il Premier non sarò né io né Di Maio". Poi Salvini ha parlato degli alleati del centrodestra, che non stanno risparmiando critiche a lui e alla Lega per la scelta di aver intavolato questo dialogo con i 5 Stelle: "Siamo e rimaniamo nell’alleanza. Se c'è qualcuno che vuole rompere lo dica, non sono io perché ci hanno offerto ministeri su ministeri, posti su posti, abbiamo sempre detto di no. Se qualcuno nel centrodestra ha detto ‘fate se ci riuscite bravi bene’, se qualcuno del centrodestra si rimangia la parola e vuole fare casino non ha che da dirlo, noi siamo qui per costruire il futuro di questo Paese. Diciamo che alcune parole eccessive di alcuni alleati che non conoscono quello che stiamo facendo se le potrebbero risparmiare. Noi siamo rimasti in un’alleanza con alcuni partiti, penso a Forza Italia che ha sostenuto governi che hanno massacrato gli italiani. Qui c'è qualcuno che polemizza per una settimana di lavoro giorno e notte sulle cose da fare per il Paese".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO