Di Maio: "Conte premier contro establishment e ingiustizie" [VIDEO]

di maio camera diretta facebook

Luigi Di Maio ha parlato ai gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle al termine della lunga giornata che ha visto il leader pentastellato e l’omologo della Lega, Matteo Salvini, incontrare il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Domani al Colle saliranno i presidenti delle camere, Fico e Casellati, poi si attenderà la decisione del capo dello Stato.

"Con Salvini siamo d'accordo che staremo nella squadra di governo - ha spiegato Di Maio parlando ai gruppi parlamentari M5s - , vi dico che se c'è una cosa che ci ha connotato è la battaglia per creare più lavoro, quindi è chiaro che un ministero come lo Sviluppo economico con dentro il Lavoro sarà dato al M5s".

Il leader dei “grillini” ha ribadito alcuni concetti espressi davanti ai giornalisti subito dopo l’incontro con Mattarella:

"Oggi al Presidente della Repubblica abbiamo fatto il nome di una persona che conosciamo bene. Giuseppe Conte non è stato solo uno dei nostri candidati ministro. Lo abbiamo conosciuto 5 anni fa e lo abbiamo indicato per l'organo di auto-governo della giustizia amministrativa".

Sul nome di Conte c’è stata l’ironia di Matteo Renzi, che lo ha definito “un amico di Maria Elena Boschi”, ma Di Maio ci tiene a precisare che il candidato premier della coalizione gialloverde sia una personalità che gode della massima fiducia. Del resto, era uno degli indiziati per l’assegnazione di un ministero, anche per via delle “antipatie” che susciterebbe all’interno dell’establishment:

"È una persona che tutti immaginano come mite, ma è veramente tosto. Dove è andato ha fatto danni all'establishment perché si è opposto alle ingiustizie. Grazie a lui l'Italia è venuta a conoscenza del caso Bellomo. Incarna - prosegue - tutti quei valori che portiamo come esseri umani all'interno di questo Movimento... Onestà, competenza e sensibilità. Qualcuno dirà che è un tecnico. È la persona più politica che potevamo mettere a capo di questo governo. Conte ci ha sempre aiutato, è stato un angelo custode nei momenti più importanti del M5S, ha partecipato al programma giustizia. Ha tenuto sempre a far rispettare il rigore morale. La sua figura sarà sintesi del Movimento e ha la sensibilità per evitare qualsiasi deriva da una parte e dall'altra".

Tra gli altri argomenti trattati da Di Maio davanti ai parlamentari Cinque Stelle, c’è stata anche la Tav, che continua a dividere l’opinione pubblica.

"La Tav è superata, è chiaro che il nostro ministro dovrà parlare con il suo omologo francese e seguire la strada indicata dal contratto".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO