Governo M5S-Lega, UE: "Ci sono cose che preoccupano". Salvini: "State sereni"

BRUSSELS, BELGIUM - OCTOBER 20:  President of the European Commission Jean-Claude Juncker arrives ahead of the second day of European Council meetings at the Council of the European Union building on October 20, 2017 in Brussels, Belgium. Britain's Prime Minister Theresa May attended meetings yesterday with the other 27 EU leaders, which concluded with a dinner speech, in which she asked that she could strike a Brexit deal that she can defend to UK voters.  (Photo by Dan Kitwood/Getty Images)

17.00 - Alle voci europee preoccupate per la direzione che il nuovo governo Lega-M5S intende intraprendere si è aggiunta in queste ore quella di Peter Altmaier, Ministro dell'Economia della Germania:

Speriamo in un governo pro-europeo come negli ultimi 70 anni. Sto osservando l'evoluzione della situazione, l'Italia sta nominando un nuovo governo e circola il nome di un possibile nuovo premier. [...] Finora abbiamo solo il nome di un possibile primo ministro. Ho chiesto ai miei colleghi italiani oggi se è già chiaro chi diventerà il ministro dell'Economia, e non è questo il caso. Quindi continueremo a osservare gli sviluppi della situazione.

13.50 - La replica di Matteo Salvini alle preoccupazioni espresse dall'Europa, in particolare alle parole di Jean Asselborn, ministro degli esteri del Lussemburgo, sono arrivate con un breve post su Facebook. Il leader della Lega, ormai prossimo a formare un governo col Movimento 5 Stelle, ha preso in prestito quello "stai sereno" di Matteo Renzi e ha replicato con secco:

"All'estero stiano sereni, agli italiani ci pensiamo noi"

22 maggio 2018 - L'Unione Europea osserva con curiosità e preoccupazione l'evolversi della situazione italiana. Ieri la commissaria al Commercio, la svedese Cecilia Malmström, ha affrontato l'argomento a margine di una seduta del Consiglio: "Non abbiamo visto tutte le questioni, naturalmente ascolteremo e parleremo con loro. Ci sono cose che preoccupano". In ogni caso, ha concluso, "il governo non è ancora confermato, quindi non facciamo discussioni ipotetiche".

Le parole della Malmström non sono comprensibilmente piaciute a Gian Marco Centinaio, capogruppo del Carroccio al Senato, ospite questa mattina ad Agorà su Rai 3, dove ha risposto con una battuta alla commissaria svedese: "Vada a lavorare la Malmström, vada a lavorare".

Anche Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea, ha parlato del governo in via di formazione in Italia nel corso di un'intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt: "In linea di principio, la Commissione europea non interferisce nelle politiche nazionali: tuttavia riteniamo molto importante che il nuovo governo italiano mantenga la sua strada e persegua una politica di bilancio responsabile. L'Italia ha il secondo debito pubblico più alto della zona euro dopo la Grecia".

Anche Jean Asselborn, ministro degli Esteri del Lussemburgo, espresso la propria preoccupazione: "Abbiamo a che fare con una situazione in Italia che ci può danneggiare, ma che può danneggiare anche gli italiani. Spero che il presidente italiano riesca a svolgere un ruolo per prevenire la perdita di tutti i progressi fatti negli ultimi otto anni".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO