Strage di Capaci: Roberto Fico con le mani in tasca durante l’inno di Mameli - Video

Questa mattina il Presidente della Camera Roberto Fico, terza carica dello Stato, ha accolto la Nave della Legalità partita da Civitavecchia e giunta a Palermo per ricordare e commemorare la strage di Capaci, perché nulla venga dimenticato e perché nulla del genere accada mai più.

La strage di Capaci, con la morte del giudice Giovanni Falcone, di sua moglie e di tre agenti della scorta aprirà la tristissima stagione delle stragi e delle bombe di mafia in Sicilia e nel "continente". Tra i periodi più bui della recente storia italiana quegli anni hanno segnato anche l’allora quasi 18enne Roberto Fico, oggi presidente di Montecitorio, quale esponente dei 5 Stelle.

"Questa mattina la sensazione è incredibile. Mi ricordo quel pomeriggio di tanti anni fa, avevo quasi 18 anni. Ero a casa e mi arrivò la notizia dell'uccisione di Falcone di tutta la scorta. Fu un momento che scosse l'Italia e mi ricordo che rimasi molto colpito. Il fatto che io sia in politica come terza carica dello Stato deriva anche da quella sensazione. Ogni Governo e ogni Parlamento devono avere come priorità la lotta alla mafia"

ha detto il presidente della Camera. Non è sfuggito però che durante l'inno di Mameli, in mezzo alle altre autorità tra cui il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, Fico tenesse le mani in tasca mentre gli altri cantavano portando la mano al petto: un atteggiamento un tantino disinvolto, visto il momento, e che fa poco terza carica dello Stato. Prima che l’inno finisse comunque il presidente della Camera ha tolto le mani dalle tasche del pantalone per metterle dietro la schiena come si vede nel video in alto.

fico mani in tasca inno di mameli video

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO