Incarico a Conte: le reazioni della politica

blogo_Montecitorio

A dispetto degli spifferi della vigilia, il Presidente Mattarella ha conferito al Professor Giuseppe Conte l'incarico di formare il Governo. Come da prassi Conte ha accettato l'incarico "con riserva", anche se in questo caso si conosce già il programma del prossimo Governo, sintetizzato nel contratto tra Lega-M5S, e si conosce appunto la consistenza della maggioranza che - a meno di clamorosi colpi di scena - voterà la fiducia al nuovo Esecutivo.

Domani Conte farà il suo giro di Consultazioni alla ricerca di una maggioranza più ampia possibile, ma molto difficilmente riuscirà ad allargare il consenso andando al di là dei gruppi parlamentari di Movimento 5 Stelle e Lega.

Forza Italia, attraverso la capogruppo al Senato Anna Maria Bernini, ha già ribadito che non voterà la fiducia: "Forza Italia farà opposizione e non voterà la fiducia a un governo che nasce con un programma che ci preoccupa perchè non risolve i veri problemi dei cittadini e le tante emergenze che assillano l'economia, le famiglie, le imprese. Saremo vigili su un esecutivo che nasce sbilanciato sul M5S". Anche l'ex Ministro Gelmini la pensa allo stesso modo: "Sta per nascere un esecutivo a forte trazione grillina. Conte avvocato Italia? Contratto è una condanna".

Renzi ha annunciato di volersi "costituire parte civile" se Conte sarà "l'avvocato dell'Italia". Più duro Matteo Orfini, Presidente del Pd, che ha così commentato attraverso i social: "Sta per nascere un governo di estrema destra, composto da forze politiche di estrema destra e con un programma di estrema destra. Faremo opposizione. In Parlamento e nel Paese. Questo è il nostro ruolo".

Anche Arturo Scotto (Leu) ha ribadito la distanza tra il suo schieramento e il prossimo Governo: "In bocca al lupo al Presidente #Conte. Non sappiamo con quale autonomia, mette la faccia su un contratto di governo che inaugura la stagione di una nuova destra. Liberista, populista e xenofoba. La nostra opposizione sarà netta e senza sconti".

Salvini, ovviamente, ha salutato con ben altro entusiasmo la notizia: "Finalmente si parte!!! Sperando che non ci siano altri tentativi (dall’Italia o dall’estero) di fermare il cambiamento: prima il lavoro, prima la sicurezza, PRIMA GLI ITALIANI.Mai più servi di nessuno".

Luigi Di Maio ha invece parlato di una "giornata storica per il Paese", promettendo una nuova stagione per l'Italia: "Mattarella è stato pienamente rispettoso della nostra Costituzione, lo ringraziamo per quello che ha fatto. Oggi è stata una vera e propria liberazione. Abbiamo tante cose da fare. Non dico che sarà tutto facile, c'è stato un livello di attacchi inimmaginabile. Ma abbiamo resistito. Io sono uno che non si gode mai niente ma questo momento ce lo dobbiamo godere. Conte avrà la possibilità di far volare questo paese, renderlo più leggero, più snello e con più diritti. E Conte deve sapere che tutto il Movimento è con lui".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO